Milan cancer conference
San Antonio Breast Symposium
ESG 2017

Comorbidità tra le donne con sanguinamento post-coitale


La maggior parte degli studi esistenti sul sanguinamento post-coitale è stata effettuata nei Paesi occidentali.
Fino ad oggi, nessuno studio si è concentrato sulle varie comorbidità correlate a sanguinamento post-coitale nelle donne di Taiwan.
Sono state analizzate e confrontate la presenza o l'assenza di sanguinamento post-coitale tra le donne di Taiwan con comorbidità ginecologiche.

È stata effettuata una indagine retrospettiva di coorte basata sulla popolazione.
Sono state considerate le pazienti con sanguinamento post-coitale dopo la data indice.
In totale 2.377 pazienti di sesso femminile con sanguinamento post-coitale sono state identificate utilizzando un campione a livello nazionale dal 2001 al 2010.
Per confronto, 7.131 casi sono stati abbinati in modo casuale per sesso ed età con il gruppo di studio.

Il tasso di incidenza di sanguinamento post-coitale è stato di 39-59 casi per 100.000 donne, con una età media di 36.74 anni, età mediana di 36 anni, ed età modale di 29 anni.

Le donne con sanguinamento post-coitale hanno presentato un rischio di 1.47 volte di displasia cervicale e un rischio di 1.59 volte di tumore maligno del collo dell'utero.

Le giovani donne con sanguinamento post-coitale hanno mostrato un alto rischio di tumore del collo dell'utero.

Le malattie benigne più comuni tra le morbilità connesse a sanguinamento post-coitale sono state erosione cervicale ed ectropion ( 20.66% ), seguite da vaginiti e vulvovaginiti ( 19.18% ).

Il confronto tra gruppi sanguinamento post-coitale e non-emorragico ha indicato diverse patologie significative concomitanti ad alto rischio che hanno incluso polipi cervicali, erosione cervicale, leucoplachia della cervice, dispositivo contraccettivo intrauterino, cervicite, vaginite, menopausa, dispareunia e vulvodinia.

In conclusione, lo studio ha fornito la prova che le comorbidità correlate a sanguinamento post-coitale manifestano malattie benigne ( 51.58% ), infezione del tratto genitale inferiore ( 46.11% ) e cancro del collo dell'utero ( 2.31% ).
Pertanto, è importante che gli operatori sanitari garantiscano adeguati test di screening di routine ed è indicato il counseling per le donne con sanguinamento post-coitale. ( Xagena2017 )

Liu HL et al, Arch Gynecol Obstet 2017; 295: 935-941

Gyne2017



Indietro