Probiotici innovativi
Tumore Mammella
Tumore Ovaie

Esiti cutanei e associazioni sistemiche nelle donne con sindrome dell'ovaio policistico


La comprensione delle associazioni tra esiti cutanei, anomalie sistemiche e adempimento dei criteri diagnostici in donne con sospetto di sindrome dell'ovaio policistico ( PCOS ) è incompleta.

Sono state identificate le caratteristiche cutanee e sistemiche della sindrome dell'ovaio policistico che aiutano a distinguere le donne che soddisfano e non-soddisfano i criteri diagnostici in uno studio retrospettivo effettuato presso l'Università della California, San Francisco ( UCSF ), per un periodo di 6 anni, tra il 2006 e il 2012.

Hanno partecipato allo studio 401 donne con sospetta sindrome dell'ovaio policistico.
In totale, il 68.8% ( 276 su 401 ) ha soddisfatto i criteri diagnostici Rotterdam PCOS, mentre il 12.0% ( 48 su 401 ) non lo ha fatto.
Nel complesso, l'11.5% ( 46 su 401 ) aveva dati sufficienti per una diagnosi, l’1.7% ( 7 su 401 ) è stato escluso dallo studio, e il 6.0% ( 24 su 401 ) ha rifiutato di partecipare allo studio.

Le donne sono state sottoposte a completo esame della pelle ed ecografia transvaginale.
Tutte le pazienti sono state testate per i livelli di testosterone totale, testosterone libero, deidroepiandrosterone ( DHEAS ), androstenedione, ormone luteinizzante e ormone follicolo-stimolante.

Sono stati ottenuti i livelli sierici di colesterolo, colesterolo HDL ( HDL-C ), colesterolo LDL (LDL-C) e trigliceridi, oltre ai risultati a 0 ore e a 2 ore dei test orale di tolleranza al glucosio ( OGTT ), con la misurazione dei livelli di glucosio e di insulina.

Gli esiti principali erano i risultati dall’esame completo della pelle, dalle prove di laboratorio e dall’ecografia transvaginale.

In totale, 401 donne con sospetta sindrome dell'ovaio policistico sono state incluse nello studio. L'età media delle pazienti era di 28 anni.

Rispetto alle donne che non soddisfacevano i criteri diagnostici per la sindrome dell'ovaio policistico, le donne che hanno soddisfatto i criteri avevano tassi più elevati di irsutismo ( 53.3%, 144 su 270, vs 31.2%, 15 su 48, P=0.005 ) ( con più alti punteggi medi Ferriman-Gallwey modificati di 8.6 vs 5.6, P=0.001 ), acne ( 61.2%, 164 su 268, vs 40.4%, 19 su 47, P=0.004 ), e acantosi nigricans ( 36.9%, 89 su 241, vs 20.0%, 9 su 45, P=0.03 ).

Le distribuzioni cutanee sono state varie. Le donne che hanno soddisfatto i criteri per PCOS hanno dimostrato più grave irsutismo del tronco e più alti tassi di acantosi nigricans ascellare.

Le donne che hanno soddisfatto i criteri per PCOS avevano elevati livelli di testosterone totale ( 40.7%, 105 su 258, vs 4.3%, 2 su 47, P minore di 0.001 ).

Tra le donne con PCOS, la presenza di irsutismo ( 43.9%, 54 su 123, vs 30.9%, 34 su 110, P=0.04 ) o acantosi nigricans ( 53.3%, 40 su 75, vs 27.0%, 40 su 148, P minore di 0.001 ) è risultata associata a più alti tassi di elevati livelli di testosterone libero così come a diverse anomalie metaboliche, tra cui resistenza all'insulina, dislipidemia e aumento dell'indice di massa corporea.

Sebbene la prevalenza dell’acne fosse aumentata tra le donne con sindrome dell'ovaio policistico, vi sono state differenze minime nel tipo di acne e nella distribuzione tra le donne che hanno soddisfatto e non hanno soddisfatto i criteri per PCOS.

In conclusione, irsutismo e acantosi nigricans sono i marker cutanei più affidabili di PCOS e richiedono un esame completo della pelle per la diagnosi. Quando presenti, irsutismo e acantosi nigricans dovrebbero sollevare preoccupazioni cliniche e indurre una ulteriore valutazione diagnostica per comorbidità metaboliche che possono portare a complicazioni a lungo termine.
Acne e alopecia androgenetica sono indicatori prevalenti ma inaffidabili di iperandrogenismo biochimico in questa popolazione. ( Xagena2016 )

Schmidt TH et al, JAMA Dermatol 2016; 152: 391-398

Gyne2016 Endo2016



Indietro