Mediexplorer

Ginecologia.net

Ginecologia

L’esposizione a farmaci antidepressivi SSRI durante la gravidanza può aumentare il rischio di disturbi della parola e del linguaggio nella prole


L'esposizione in utero agli inibitori della ricaptazione della serotonina ( SSRI ), ampiamente impiegati come farmaci antidepressivi, può aumentare il rischio di disturbi della parola e del linguaggio nella prole.

L'uso dei farmaci SSRI durante la gravidanza è in continuo aumento, con stime di prevalenza che variano dal 4 al 10%.
Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina attraversano la placenta ed entrano nella circolazione fetale.
In alcuni studi l'esposizione agli antidepressivi SSRI durante la gravidanza è risultata associata a un aumentato rischio di autismo ( anche se altri studi non hanno confermato queste conclusioni ) e alla sindrome di adattamento neonatale.

Uno studio ha cercato di verificare l’esistenza di associazioni tra uso di farmaci SSRI durante la gravidanza e i disturbi di parola e di linguaggio, i disturbi scolastici, e i disturbi motori nella prole fino alla prima adolescenza.
Sono stati esaminati i dati di registri basati sulla popolazione in Finlandia dal 1996 al 2010. L'analisi comprendeva 15.596 soggetti esposti in utero ai farmaci SSRI; 9.537 soggetti alle cui madri era stata fatta diagnosi di depressione o di disturbi correlati e non-medicalizzate; e 31.207 soggetti che non erano stati esposti in utero a farmaci SSRI e chele madri non soffrivano di disturbi psichiatrici.

L’età media alla diagnosi è stata di 4.43 anni per i disturbi della parola e del linguaggio, 3.55 anni per i disturbi scolastici e 7.73 per i disturbi motori.

Il rischio di disturbi della parola e del linguaggio è risultato del 37% più alto tra i figli le cui madri avevano acquistato almeno due volte farmaci SSRI durante la gravidanza, rispetto alla prole le cui madri avevano disturbi depressivi ma non erano state sottoposte a trattamento farmacologico.

La prole esposta a farmaci SSRI aveva un rischio cumulativo per i disturbi della parola e del linguaggio di 0.0087, rispetto a 0.0061 nel gruppo non-medicalizzato ( HR=1.37; IC 95%, 1.11-1.7; P = 0.004 ).

Rispetto alla prole non-esposta, il rischio per i disturbi della parola e del linguaggio era significativamente più alto nel gruppo farmaci SSRI e nel gruppo non-medicato.

Non ci sono state differenze tra il gruppo SSRI e il gruppo non-medicato riguardo ai disturbi scolastici e ai disturbi motori.

La coorte di ampie dimensioni con osservazione dalla nascita fino ai 14 anni, ha fornito nuova evidenza di una associazione tra disturbi della parola e del linguaggio nella prole e l'uso di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina durante la gravidanza, per depressione materna o per altri disturbi psichiatrici.
Questo risultato è stato riscontrato solo nei figli di madri che hanno acquistato almeno due volte farmaci SSRI durante la gravidanza.
In tutto il campione, indipendentemente dal numero degli acquisti, il rischio di disturbi della parola e del linguaggio è risultato aumentato tra i figli di madri che hanno fatto uso di farmaci SSRI durante la gravidanza, nonché tra i figli di madri con diagnosi di depressione o altri disturbi psichiatrici che non avevano assunto farmaci SSRI, rispetto alle prole di madri che né avevano fatto uso di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina né avevano avuto diagnosi psichiatriche. ( Xagena2016 )

Fonte: JAMA Psychiatry, 2016

Gyne2016 Pedia2016 Psyche2016 Farma2016


Indietro