Cardiologia.net
Reumatologia
OncoGinecologia.net

Tassi di mammografia 3 anni dopo le modifiche del 2009 nelle linee guida US Preventive Services Task Force


Nel novembre 2009, la US Preventive Services Task Force ( USPSTF ) ha cambiato le proprie raccomandazioni sulla mammografia da ogni 1-2 anni tra le donne di età a partire da 40 anni a decisioni di screening personalizzate per le donne di età tra 40 e 49 anni e screening ogni 2 anni per le donne di età tra 50 e 74 anni.

Sono state studiate le tendenze mammografiche tra 5.5 milioni di donne da 40 a 64 anni iscritte a una grande assicurazione sanitaria nazionale.
Sono stati utilizzati i trend di mammografia nel periodo 2005-2009 per predire i tassi nel 2012.

La misura primario era la differenza stimata tra tassi di mammografia nel 2012 annuali e biennali osservati e previsti.
I risultati sono stati stratificati per età ed etnia.

Tra le donne di età da 40 a 49 anni, i tassi di mammografia nel 2012 sono diminuiti del 9.9% rispetto al tasso previsto nel 2012.
Le diminuzioni sono state più basse tra le donne nere ( -2.3% ) e più alte tra le donne asiatiche ( -17.4% ).
I tassi di mammografia annuale tra le donne di età tra 50 e 64 anni sono scesi del 6.1% entro il 2012.

Per quanto riguarda i tassi di mammografia biennale, le donne tra 40 e 49 anni hanno avuto una riduzione relativa del 9.0%.
Le donne bianche, ispaniche e asiatiche di età da 40 a 49 anni hanno mostrato riduzioni relative simili di circa il 9% fino all’11%, mentre le donne nere non hanno mostrato variazioni rilevabili ( 0.1% ).

Le donne di età tra 50 e 64 anni hanno avuto una riduzione relativa del 6.2% delle mammografia biennali, che è stata simile tra le donne bianche, ispaniche e asiatiche.
Le donne nere tra 50 e 64 anni non hanno avuto cambiamenti nelle mammografie biennali (0.4% ).

In conclusione, 3 anni dopo la pubblicazione delle linee guida USPSTF 2009, i tassi di mammografia sono diminuiti dal 6% al 17% tra le donne bianche, ispaniche e asiatiche ma non tra le donne nere.
Piccole riduzioni nelle mammografie biennali potrebbero essere una conseguenza involontaria delle linee guida aggiornate. ( Xagena2015 )

Wharam JF et al, J Clin Oncol 2015;33:1067-1074

Gyne2015 Onco2015



Indietro