Tumore Ovaie
OncoGinecologia
Xagena Mappa
Tumore Mammella

Associazione tra uso materno di integratori di Acido Folico e rischio di disturbi autistici nei bambini


Gli integratori prenatali di Acido Folico riducono il rischio di difetti del tubo neurale nei bambini, ma non è stato stabilito se proteggano da altri disturbi dello sviluppo neurologico.

È stata esaminata l'associazione tra uso materno di integratori in periodo prenatale di Acido Folico e conseguente rischio di disturbi dello spettro autistico ( disturbo autistico, sindrome di Asperger, disturbo pervasivo dello sviluppo non altrimenti specificato PDD-NOS ) nei bambini.

Il campione di studio di 85.176 bambini è stato derivato dalla popolazione dello studio prospettico norvegese MoBa ( Norwegian Mother and Child Cohort Study ).
I bambini erano nati nel 2002-2008; entro la fine del follow-up il 31 marzo 2012, la fascia d'età è stata compresa nell’intervallo tra 3.3 e 10.2 anni ( media 6.4 anni ).

L'esposizione di interesse primario era l’uso di Acido Folico da 4 settimane prima a 8 settimane dopo l'inizio della gravidanza, definita come primo giorno dell'ultimo periodo mestruale prima del concepimento.

La principale misura di esito era la diagnosi di disturbi dello spettro artistico confermati da uno specialista.

Al termine del follow-up, 270 bambini del campione di studio sono stati diagnosticati con disturbi dello spettro autistico: 114 con disturbo autistico, 56 con sindrome di Asperger e 100 con disturbo pervasivo dello sviluppo non altrimenti specificato.

Nei bambini le cui madri avevano assunto Acido Folico, lo 0.10% ha presentato disturbo autistico, rispetto allo 0.21% tra quelli non-esposti ad Acido Folico.
L'odds ratio ( OR ) aggiustato per il disturbo autistico nei bambini di madri utilizzatrici di Acido Folico è stato pari a 0.61.

Nessuna associazione è stata trovata con la sindrome di Asperger o con il disturbo pervasivo dello sviluppo non altrimenti specificato, ma la potenza dello studio era limitata.

Analisi simili per gli integratori prenatali di olio di pesce non hanno mostrato alcuna associazione con il disturbo autistico, anche se l'uso di olio di pesce era associato alle stesse caratteristiche materne considerate per l'uso di Acido Folico.

In conclusione, l’utilizzo di integratori di Acido Folico prenatali nel periodo del concepimento è stato associato a un più basso rischio di disturbo autistico nella coorte dello studio MoBa.
Sebbene questi risultati non possano stabilire la causalità, essi sono a sostegno dell’integrazione prenatale di Acido Folico.

L’integrazione con Acido Folico nel periodo del concepimento riduce il rischio di difetti del tubo neurale nei bambini. Questo effetto protettivo ha portato alla fortificazione obbligatoria della farina con Acido Folico in diversi Paesi, ed è generalmente raccomandato che le donne che hanno in programma una gravidanza assumano un supplemento giornaliero di Acido Folico a partire dal primo mese prima del concepimento.

Vi sono anche prove che la supplementazione materna di Acido Folico durante la gravidanza può essere associata a ridotto rischio di altri disturbi dello sviluppo neurologico nei bambini.
Un recente studio di 38.954 bambini nella coorte dello studio MoBa ha rilevato che l'assunzione materna di Acido Folico 4 settimane prima e 8 settimane dopo l'inizio della gravidanza era associata a un più basso rischio di grave ritardo del linguaggio a 3 anni di età.

Uno studio caso-controllo svolto in California dei disturbi dello spettro autistico ha dimostrato che l'assunzione materna di Acido Folico e vitamine prenatali durante i 3 mesi precedenti la gravidanza e nel primo mese di gravidanza è associata a un minore rischio di disturbi dello spettro autistico nella prole, e le analisi genetiche complementari hanno indicato che l'associazione è stata modificata da varianti genetiche che determinano la capacità di utilizzare i folati disponibili.

Anche se considerazioni etiche impediscono studi randomizzati e controllati con placebo che eliminino l'Acido Folico, studi osservazionali di madri che fanno uso e di integratori e altre che non utilizzano gli integratori possono essere utili. ( Xagena2013 )

Surén P et al, JAMA 2013; 309: 570-577

Gyne2013 Pedia2013 Neuro2013 Psyche2013 Farma2013


Indietro