Tumore Ovaie
Tumore Mammella
OncoGinecologia
Xagena Mappa

Carcinoma alla mammella triplo negativo metastatico: Datopotamab deruxtecan, un nuovo anticorpo coniugato


I dati preliminari della coorte TNBC dello studio di fase 1 TROPION-PanTumor01 hanno mostrato che Datopotamab deruxtecan ( Dato-DXd ), un anticorpo monoclonale coniugato ( ADC ) DXd anti-TROP2, indice una risposta e un controllo della malattia nei pazienti con carcinoma mammario triplo negativo ( TNBC ) metastatico in progressione dopo il trattamento standard.

Il carcinoma alla mammella triplo negativo rappresenta circa il 10-15% dei casi di cancro al seno ed è associato a una maggior rischio di recidiva della malattia e a una prognosi peggiore rispetto ad altri sottotipi di carcinoma mammario.
Si stima che solo il 12.2% dei pazienti con tumore TNBC metastatico sia in grado di sopravvivere a 5 anni dalla diagnosi, e la sopravvivenza globale ( OS ) mediana è generalmente inferiore a 2 anni.

I dati preliminari sul tasso di risposta obiettiva ( ORR ), valutata tramite revisione centrale indipendente in cieco, è stata del 43% in 21 pazienti valutabili trattate con Datopotamab deruxtecan [ 6 mg/kg ( n=19 ) o 8 mg/kg ( n=2 ) ].
Sono state osservate cinque risposte complete o parziali ( CR/PR ) confermate, con quattro ulteriori CR/PR in attesa di conferma al momento del cut-off dei dati dell'8 gennaio 2021.
È stato osservato un tasso di controllo della malattia del 95%.

Nello studio TROPION-PanTumor01, il profilo di sicurezza di Datopotamab deruxtecan osservato nella coorte con carcinoma alla mammella triplo negativo è in linea con quanto riscontrato in quella con carcinoma al polmone non-a piccole cellule ( NSCLC ).
Nessun paziente ha interrotto il trattamento a causa di eventi avversi; tuttavia, le riduzioni del dosaggio dovute agli eventi avversi si sono verificate in 6 pazienti ( 25% ) ed erano più comunemente dovute a stomatite ( 13% ) e infiammazione della mucosa ( 8% ).
Eventi avversi di grado III o superiore emersi durante il trattamento, indipendentemente dalla causalità, si sono verificati nel 33% delle pazienti, e includevano stomatite ( 13% ), astenia ( 4% ) e anemia ( 4% ), mentre non si sono verificati diarrea o neutropenia di grado III o superiori.
Gli eventi avversi più comuni emersi durante il trattamento nel 25% o più delle pazienti sono state: stomatite, nausea, affaticamento, vomito e alopecia.
Non sono stati riscontraticasi di malattia polmonare interstiziale ( ILD ) valutati come correlati al trattamento. ( Xagena2021 )

Fonte: European Society of Medical Oncology ( ESMO ) Meeting, 2021

Gyne2021 Onco2021 Farma2021


Indietro