OncoGinecologia
Tumore Mammella
Tumore Ovaie
Xagena Mappa

Denosumab per il trattamento della osteoporosi postmenopausale


Denosumab ( Prolia ) è un anticorpo monoclonale umano somministrato per via sottocutanea che diminuisce il riassorbimento osseo inibendo la formazione e l'attività degli osteoclasti.
Specificamente, la sua attività anti-riassorbimento risulta dalla inibizione del ligando di RANK ( recettore attivatore del fattore nucleare kappa B ), una proteina necessaria per la formazione e l'attività degli osteoclasti.

Prolia trova indicazione nel trattamento della osteoporosi postmenopausale nelle donne ad alto rischio di fratture, in cui altri farmaci per l’osteoporosi non si sono dimostrati efficaci, o in caso di non tolleranza farmacologica.

I dati sulla sicurezza a lungo termine di Denosumab sono limitati; il più grande studio clinico ha arruolato circa 7.800 donne e le ha seguite per tre anni.

Il più grave problema di sicurezza è rappresentato dal rischio di ipocalcemia, che si verifica in circa il 2% delle donne che ricevono Prolia. Il rischio è maggiore nelle pazienti con insufficienza renale.
Denosumab è controindicato nelle pazienti con preesistente ipocalcemia.

Le infezioni gravi sono risultate più comuni nelle pazienti trattate ( 4.1 contro 3.4% di coloro che hanno ricevuto il placebo ), e il rischio di infezione è più alto nelle pazienti immunocompromesse.
I tassi di infezioni opportunistiche sono simili tra le pazienti trattate e non-trattate.
Le pazienti devono consultare il medico qualora dovessero svilupparsi sintomi di infezione.

Come con i bifosfonati, Denosumab può causare osteonecrosi della mandibola.

Le complicanze a lungo termine della soppressione del rimodellamento osseo con Denosumab sono sconosciute; fratture atipiche e ritardata guarigione della frattura sono state riportate nelle pazienti in trattamento con i bifosfonati.

Il mal di schiena, il dolore alle estremità, l'ipercolesterolemia, il dolore muscolo-scheletrico, e la cistite si verificano in più del 5% delle donne che ricevono Prolia, e sono più comuni rispetto al trattamento con placebo.

Negli studi clinici, il tasso di abbandono a causa di effetti avversi è risultato simile tra le pazienti trattati e quelle riceventi placebo.

Rispetto alla somministrazione settimanale di Alendronato ( Fosamax ), Denosumab aumenta in modo significativo la densità minerale ossea nelle donne in postmenopausa con bassa massa ossea.
Tra le donne in post-menopausa che avevano ricevuto Alendronato per almeno sei mesi, quelle passate a Denosumab hanno aumentato significativamente la densità minerale ossea a un anno rispetto a coloro che hanno continuato a ricevere Alendronato.

Il rischio di frattura della anca è risultata leggermente diminuita nelle donne in postmenopausa ad alto rischio dopo tre anni di terapia con Denosumab, rispetto a quelle trattate con Calcio e Vitamina-D ( 400-800 UI ) ( 0.7 contro 1.1%, p=0.04 ).
L'età media delle partecipanti era di 72 anni, e il punteggio medio ottenuto mediante assorbimetria a raggi X a doppia energia è stato di -2.5 a -4 a livello della colonna lombare o dell'anca totale; circa una donna su quattro aveva avuto in precedenza almeno una frattura vertebrale.
Il trattamento è stato più efficace nel ridurre il rischio di altre fratture non-vertebrali ( 6.5 contro 8% ) e di nuove fratture vertebrali radiologiche ( 2.3 contro 7.2% ), anche se le fratture vertebrali clinicamente evidenti sono diminuite in misura minore ( 0.8 contro 2.6% ).

La dose raccomandata di Prolia è di 60 mg somministrati per via sottocutanea ogni sei mesi. Nessun aggiustamento del dosaggio è necessario nei pazienti con insufficienza renale o epatica.
I pazienti trattati con Prolia dovrebbero assumere almeno 1.000 mg di Calcio e 400 UI di Vitamina-D al giorno.

Prolia è un metodo costoso ( la terapia per 1 anno costa 1980 dollari ) per la prevenzione delle fratture osteoporotiche dell'anca, ed è associato ad effetti avversi significativi. Esistono opzioni più sicure e meno costose per la prevenzione delle fratture nelle donne ad alto rischio. ( Xagena2012 )

Fonte: American Academy of Family Physician, 2012

Endo2012 Gyne2012 Farma2012


Indietro