Tumore Mammella
OncoGinecologia
Xagena Mappa
Tumore Ovaie

Effetti vascolari del trattamento post-menopausa con Estradiolo precoce versus tardivo


I dati suggeriscono che la terapia ormonale contenente estrogeni è associata a benefici effetti contro la malattia cardiovascolare quando viene iniziata temporalmente vicino alla menopausa ma non quando viene avviata in seguito.
Tuttavia, l'ipotesi che gli effetti cardiovascolari della terapia ormonale in post-menopausa varino a seconda del momento di inizio della terapia ( ipotesi hormone-timing ) non è stata testata.

In totale 643 donne sane in post-menopausa sono state stratificate in base al tempo trascorso dalla menopausa ( meno di 6 anni, post-menopausa precoce, o 10 anni e oltre, post-menopausa tardiva ) e sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere per via orale 17-beta-Estradiolo ( 1 mg al giorno, più Progesterone gel vaginale 45 mg somministrati in sequenza, cioè una volta al giorno per 10 giorni di ogni ciclo di 30 giorni per le donne con un utero ) oppure placebo ( più placebo gel vaginale sequenziale per le donne con utero ).

L'esito primario era il tasso di variazione nello spessore intima-media della carotide ( CIMT ), che è stata misurata ogni 6 mesi.
Gli esiti secondari includevano una valutazione dell’aterosclerosi coronarica in base alla tomografia computerizzata ( CT ) cardiaca, eseguita quando i partecipanti hanno completato il regime assegnato in modo casuale.

Dopo una media di 5 anni, l'effetto dell’Estradiolo, con o senza Progesterone, sulla progressione dello spessore intima-media della carotide differiva tra le stratificazioni di post-menopausa precoce e tardiva ( P=0.007 per interazione ).

Tra le donne in cui erano passati meno di 6 anni dopo la menopausa, al momento della randomizzazione, lo spessore intima-media della carotide, medio, è aumentato di 0.0078 millimetri per anno nel gruppo placebo rispetto a 0.0044 millimetri per anno nel gruppo Estradiolo ( P=0.008 ).

Tra le donne in cui erano passati 10 o più anni dalla menopausa, al momento della randomizzazione, i tassi di progressione dello spessore intima-media della carotide nel gruppo placebo e nel gruppo Estradiolo erano simili ( 0.0088 e 0.0100 millimetri per anno, rispettivamente; P=0.29 ).

Le misure alla tomografia computerizzata di calcio coronarico, stenosi totale, e placca non hanno mostrato differenze significative tra il gruppo placebo e il gruppo Estradiolo negli strati di post-menopausa.

In conclusione, la terapia con Estradiolo orale è stata associata a una minore progressione della aterosclerosi subclinica ( misurata come CIMT ) rispetto al placebo quando la terapia è iniziata entro 6 anni dalla menopausa, ma non quando è stata avviata 10 o più anni dopo la menopausa.
L’Estradiolo non ha avuto alcun effetto significativo sulle misure di tomografia computerizzata cardiaca di aterosclerosi in entrambi gli strati di post-menopausa. ( Xagena2016 )

Hodis HN et al, N Engl J Med 2016; 374: 1221-1231

Cardio2016 Gyne2016 Farma2016


Indietro