Tumore Ovaie
OncoGinecologia
Tumore Mammella
Xagena Mappa

Effetto della radioterapia intraoperatoria mirata ritardata rispetto alla radioterapia del seno intero sulla recidiva locale e sulla sopravvivenza: risultati a lungo termine dello studio TARGIT-A nel tumore mammario in fase iniziale


La radioterapia adiuvante convenzionale per il tumore al seno somministrata quotidianamente per diverse settimane è onerosa e costosa.
Alcune pazienti possono essere obbligate a scegliere invece una mastectomia e alcune possono rinunciare del tutto alla radioterapia.
È stata proposta una sperimentazione clinica per verificare se la radioterapia possa essere limitata al letto tumorale in modo sicuro.

Si è determinato se la radioterapia intraoperatoria mirata di seconda procedura ritardata ( TARGIT-IORT ) sia non inferiore alla radioterapia a fasci esterni ( EBRT ) del seno intero in termini di controllo locale.

In questo studio prospettico, randomizzato, di non-inferiorità, sono state arruolate 1.153 pazienti di età pari o superiore a 45 anni con carcinoma mammario duttale invasivo inferiore a 3.5 cm, trattate con conservazione del seno da 28 Centri in 9 Paesi.

TARGIT-A è stato avviato nel marzo 2000; le pazienti sono state randomizzate dopo biopsia con ago per ricevere radioterapia intraoperatoria TARGIT-IORT immediatamente dopo la nodulectomia sotto lo stesso anestetico rispetto a radioterapia EBRT, e i risultati si sono dimostrati non-inferiori.

Uno studio parallelo è stato avviato nel 2004; le pazienti a cui è stato asportato il tumore sono state assegnate in modo casuale a ricevere radioterapia EBRT o radioterapia TARGIT-IORT ritardata somministrata come seconda procedura riaprendo la ferita della nodulectomia.

Gli esiti principali erano un margine di non-inferiorità per il tasso di recidiva locale del 2.5% a 5 anni e gli esiti di sopravvivenza a lungo termine.

Complessivamente, 581 donne ( età media 63 anni ) sono state randomizzate a radioterapia intraoperatoria TARGIT-IORT ritardata e 572 pazienti ( età media 63 anni ) sono state randomizzate a radioterapia EBRT.
In tutto 60 pazienti ( 5% ) avevano tumori più grandi di 2 cm o avevano linfonodi positivi e solo 32 ( 2.7% ) avevano meno di 50 anni.

TARGIT-IORT ritardata è risultata non-inferiore alla radioterapia EBRT. I tassi di recidiva locale al follow-up completo a 5 anni sono stati: TARGIT-IORT ritardata versus EBRT ( 23/581, 3.96%, vs 6/572, 1.05%, rispettivamente; differenza, 2.91% ).

Con il follow-up a lungo termine ( mediana 9.0 anni ), non vi è stata alcuna differenza statisticamente significativa nella sopravvivenza libera da recidiva locale ( hazard ratio, HR, 0.75; P=0.052 ), sopravvivenza libera da mastectomia ( HR, 0.88; P=0.38 ), sopravvivenza libera da malattia a distanza ( HR, 1.00; P=0.98 ), o sopravvivenza globale ( HR, 0.96; P=0.80 ).

Questi dati a lungo termine hanno mostrato che, nonostante un aumento del numero di recidive locali con radioterapia intraoperatoria TARGIT-IORT ritardata, non c'è stata una diminuzione statisticamente significativa della sopravvivenza libera da mastectomia, della sopravvivenza libera da malattia a distanza o della sopravvivenza globale. ( Xagena2020 )

Vaidya JS et al, JAMA Oncol 2020; 6

Gyne2020 Onco2020 Med2020



Indietro