Vulvodinia Survey
Tumore Mammella
Tumore Ovaie
Xagena Mappa

Effetto di esercizio fisico e nutrizione sul completamento della chemioterapia e sulla risposta patologica completa nelle donne con tumore al seno: studio Lifestyle, Exercise, and Nutrition Early After Diagnosis


Il completamento con successo della chemioterapia è fondamentale per migliorare gli esiti del carcinoma mammario.

L’intensità della dose relativa ( RDI ), definita come il rapporto tra chemioterapia somministrata e prescritta, è una misura del completamento della chemioterapia ed è associata alla mortalità per tumore.
L’effetto dell’esercizio fisico e di una dieta sana sull’intensità della dose relativa non è noto.

È stato condotto uno studio randomizzato su un intervento di esercizio fisico e nutrizione sull'intensità della dose relativa e sulla risposta patologica completa ( pCR ) in donne con diagnosi di cancro al seno che iniziavano la chemioterapia.

In tutto 173 donne con tumore al seno in stadio I-III sono state assegnate in modo casuale alle cure abituali ( n=86 ) o a un esercizio fisico a domicilio e un intervento nutrizionale con sessioni di consulenza fornite da dietisti registrati certificati in oncologia ( n=87 ).

Gli aggiustamenti della dose della chemioterapia, i ritardi e la risposta patologica completa sono stati estratti dalle cartelle cliniche elettroniche.

Le partecipanti assegnate in modo casuale all'intervento nutrizionale ed esercizio fisico hanno mostrato miglioramenti maggiori nella qualità dell'esercizio fisico e della dieta rispetto ai pazienti con cure abituali ( P minore di 0.05 ).

L’intensità della dose relativa è stata del 92.9% e del 93.6%, rispettivamente, per l’intervento e per la cure abituali ( P=0.69 ); la percentuale delle pazienti nel gruppo di intervento nutrizionale ed esercizio fisico rispetto alle cure abituali che hanno raggiunto una intensità della dose relativa maggiore o uguale all’85% è stata, rispettivamente, dell’81% e dell’85% ( P=0.44 ).

La percentuale di pazienti che hanno avuto almeno una riduzione della dose e/o un ritardo è stata pari al 38% del gruppo di intervento e al 36% del gruppo di cure abituali ( P=0.80 ).

Tra le 72 donne che hanno ricevuto chemioterapia neoadiuvante, le donne assegnate in modo casuale all'intervento nutrizionale ed esercizio fisico avevano maggiori probabilità di avere una risposta patologica completa rispetto a quelle assegnate in modo casuale alla cure abituali ( 53% vs 28%; P=0.037 ).

Sebbene un intervento di dieta ed esercizio fisico non abbia influenzato l’intensità della dose relativa, l’intervento è stato associato a un risposta patologica completa più elevata nelle pazienti con tumore mammario positivo ai recettori ormonali [ HR-positivo ] / negativo al recettore del fattore di crescita epidermico umano 2 [ HER2-negativo ] e triplo negativo sottoposte a chemioterapia neoadiuvante. ( Xagena2023 )

Sanft T et al, J Clin Oncol 2023; 41: 5285-5295

Gyne2023 Onco2023



Indietro