OncoGinecologia
Tumore Ovaie
Xagena Mappa
Tumore Mammella

Esiti perinatali dopo l'esposizione alle statine durante la gravidanza


Le statine sono la classe di farmaci più comunemente impiegata per trattare l'iperlipidemia. Recentemente, questi farmaci sono stati utilizzati durante la gravidanza per la prevenzione o il trattamento della preeclampsia.
Tuttavia, la sicurezza dell'uso delle statine durante la gravidanza è stata messa in dubbio.

L'obiettivo di un nuovo studio è stato quello di esaminare gli esiti perinatali nella prole associati all'uso materno di statine durante la gravidanza.

Lo studio di coorte retrospettivo ha riguardato 1443657 donne in gravidanza di età pari o superiore a 18 anni con il loro primo bambino nato nel periodo 2004-2014.
I dati per questo studio sono stati presi dal Database di ricerca sull'assicurazione sanitaria nazionale di Taiwan. L'analisi statistica è stata eseguita dal 7 aprile 2020 al 31 luglio 2021.

Le donne che hanno ricevuto una diagnosi di iperlipidemia prima della gravidanza e che stavano ricevendo statine da prescrizione durante la gravidanza erano il gruppo esposto alle statine.
I dati su anomalie congenite, peso alla nascita, età gestazionale, parto pretermine, basso peso alla nascita, peso alla nascita molto basso, sofferenza fetale e punteggio di Apgar sono stati confrontati tra le partecipanti con e senza esposizione alle statine durante la gravidanza.
L'analisi dei sottogruppi è stata eseguita per confrontare la progenie di donne che hanno fatto uso delle statine per più di 3 mesi prima della gravidanza e hanno mantenuto o interrotto l'uso di statine dopo la gravidanza.

Sono state arruolate in totale 469 donne ( età media, 32.6 anni; età gestazionale media, 38.4 settimane ) che hanno utilizzato statine durante la gravidanza e 4690 controlli di pari età ( età media, 32.0 anni; età gestazionale media, 37.3 settimane ) senza esposizione a statine durante la gravidanza.

Dopo aver controllato le comorbidità materne e l'età, il basso peso alla nascita è risultato più comune tra la prole nel gruppo esposto alle statine ( RR, 1.51 [ IC 95%, 1.05-2.16 ] ), con una maggiore probabilità di parto pretermine ( RR, 1.99; IC 95%, 1.46-2.71 ] ) e un più basso punteggio Apgar a 1 minuto ( RR, 1.83 [ IC 95%, 1.04-3.20 ] ).
Le anomalie congenite non erano associate all'esposizione alle statine durante la gravidanza.

Inoltre, l'analisi multivariata ha mostrato che non vi era alcuna associazione tra l'uso di statine per l'iperlipidemia periconcezionale e gli esiti avversi perinatali tra le donne che avevano fatto uso di statine prima della gravidanza.

In conclusione, lo studio ha indicato che le statine possono essere sicure se usate durante la gravidanza perché non c'era associazione con anomalie congenite, ma è necessaria cautela a causa di un aumentato rischio di basso peso alla nascita e parto pretermine.
I dati hanno anche mostrato che le statine potrebbero essere utilizzate in sicurezza durante la gravidanza per le donne che ne fanno uso da un lungo periodo di tempo prima della gravidanza. ( Xagena2021 )

Chang JC et al, JAMA Netw Open 2021;4(12):e2141321. doi:10.1001/jamanetworkopen.2021.41321

Gyne2021 Pedia2021 Cardio2021 Farma2021


Indietro