Tumore Ovaie
Tumore Mammella
OncoGinecologia
Xagena Mappa

I bifosfonati possono ridurre il rischio di cancro dell'endometrio


Uno studio che ha riguardato un ampio numero di donne ha indicato che i bifosfonati, farmaci utilizzati per trattare l’osteoporosi, riducono il rischio di cancro dell’endometrio.

Per verificare l'ipotesi che i bifosfonati possono ridurre il rischio di tumore dell'endometrio, i ricercatori hanno preso in esame i questionari delle donne che hanno fatto parte del Prostate, Lung, Colorectal and Ovarian ( PLCO ) Cancer Screening Trial del National Cancer Institute ( NCI ).

L’analisi ha riguardato 23.485 donne.

Le donne che hanno fatto uso di bifosfonati hanno presentato una probabilità di sviluppare il cancro dell'endometrio ridotta del 50% ( IRR, rapporto del tasso di incidenza pari a 0.489 ).

Sono stati osservati 77 casi di cancro dell’endometrio nel gruppo che non aveva mai fatto uso di bifosfonati e 20 nel gruppo delle utilizzatrici.
69 e 19 casi, rispettivamente, nei gruppi non-utilizzatrici e utilizzatrici, erano tumori dell’endometrio di tipo I.

Altri studi hanno dimostrato che i bifosfonati possono ridurre il rischio di alcuni tumori, ma questo è il primo studio a dimostrare che il rischio di cancro dell’endometrio può essere ridotto.

Lo studio ha analizzato i dati solo sui bifosfonati contenenti azoto, che hanno dimostrato di avere proprietà antitumorali. Questi agenti sono utilizzati anche come trattamento palliativo per pazienti con metastasi ossee.
Ci sono prove pre-cliniche che questi farmaci abbiano effetti antitumorali, tra cui inibizione della proliferazione, della angiogenesi, e dell’adesione delle cellule tumorali.
In laboratorio, i bifosfonati hanno dimostrato di alterare il microambiente tumorale e di indurre la morte delle cellule tumorali.

Il cancro dell’endometrio è generalmente diagnosticato nelle donne in postmenopausa tra i 60 e i 70 anni. ( Xagena2015 )

Fonte: Cancer, 2015

Onco2015 Gyne2015 Farma2015


Indietro