OncoGinecologia
Xagena Mappa
Tumore Ovaie
Tumore Mammella

Il rischio della terapia di sostituzione ormonale può variare in base al peso corporeo e ad altri fattori


L’aumentato rischio di cancro al seno conferito dalla terapia ormonale sostitutiva ( HRT ) può dipendere dal peso corporeo, dalla razza e dall'origine etnica.

Le donne magre e normopeso con tessuto mammario denso hanno mostrato un incremento di quasi il 50% del rischio di tumore alla mammella, mentre le donne che erano di razza nera o in sovrappeso con tessuto mammario meno denso non erano associate ad alcun aumento del rischio.

Per decenni si è ritenuto che la terapia ormonale sostitutiva, per il fatto che mantiene alti i livelli di estrogeni, potrebbe anche proteggere il cuore e mantenere la resistenza ossea.
Tuttavia, lo studio WHI ( Women’s Health Initiative ) ha trovato che, nel lungo periodo, la terapia ormonale sostitutiva non solo non riduce il rischio di infarto miocardico ma di fatto aumenta il rischio di ictus.
Inoltre, questo studio ha mostrato un aumento del rischio del 24% di cancro invasivo alla mammella nelle donne che avevano assunto estrogeni e progestinici.

Studi, più recenti, hanno indicato che i rischi di cancro al seno associati con la terapia ormonale possono variare in base a fattori come l'indice di massa corporea ( BMI ).

Ricercatori del University of Chicago hanno esaminato il database Breast Cancer Surveillance Consortium del National Cancer Institute ( NCI ), contenente 1.6 milioni di mammografie di screening e 9.300 casi di carcinoma mammario.

La ricerca ha riguardato donne di 45 anni o più, e sono stati presi in considerazione l’etnia delle donne, l’indice BMI, e la densità mammaria.

E’stato osservato che l'uso di terapia ormonale sostitutiva era correlato a un aumentato rischio di cancro per le donne bianche, asiatiche e ispaniche, ma non per le donne di razza nera.

Il rischio più alto è stato osservato per le donne con normale o basso indice di massa corporea e seni molto densi, che avevano una probabilità più alta del 49% di sviluppare il cancro alla mammella durante terapia ormonale sostitutiva, rispetto alle donne con le stesse caratteristiche ma che non assumevano la terapia di sostituzione.

Tuttavia, le donne che erano in sovrappeso o obese e avevano seni meno densi, che rappresentavano circa il 20% della popolazione dello studio, hanno presentato un aumento del rischio, che sta ad indicare che un grande sottogruppo di donne può non essere a elevato rischio di tumore al seno con l'uso della terapia di sostituzione ormonale.

Tra i gruppi etnici, il rischio associato alla terapia ormonale sostitutiva è risultato più alto per le donne asiatiche, che avevano un rischio aumentato del 58%, rispetto alle donne non in terapia ormonale sostitutiva, sebbene il numero relativamente piccolo di donne asiatiche nello studio ( solo il 3.2% ) ha limitato l'affidabilità di tale stima.

Lo studio non ha preso in esame la durata della terapia ormonale sostitutiva; il rischio di cancro al seno potrebbe aumentare quando la terapia di sostituzione ormonale viene assunta per lungo periodo dalle donne nei sottogruppi ad alto rischio. ( Xagena2013 )

Fonte: Journal of National Cancer Institute, 2013

Onco2013 Gyne2013 Farma2013


Indietro