Tumore Ovaie
Tumore Mammella
XagenaNewsletter
OncoGinecologia

Indice di massa corporea nelle giovani donne e rischio di cardiomiopatia


I tassi di incidenza delle cardiomiopatie, che sono una causa comune di insufficienza cardiaca nei giovani, sono aumentati negli ultimi decenni.
Recentemente è stata identificata un'associazione tra peso corporeo nell'adolescenza e futura cardiomiopatia tra gli uomini.
Non è noto se ciò sia vero anche per le donne.

L'obiettivo è stato quindi determinare se per le giovani donne in sovrappeso o obese sia associato un rischio maggiore di sviluppare cardiomiopatia.

È stato condotto uno studio di coorte prospettico nazionale basato sul Registro delle nascite svedese, dal 1982 al 2014, con un follow-up fino a 33 anni.
Le donne incluse erano in età fertile ( 18-45 anni ) durante la visita prenatale iniziale nella loro prima o seconda gravidanza ( n=1.393.346 ).

Sono stati ottenuti i dati basali su indice di massa corporea ( BMI ), fumo, istruzione e disturbi precedenti.
Dopo le esclusioni, principalmente a causa di disturbi precedenti, il campione finale era composto da 1.388.571 donne.
I casi di cardiomiopatia sono stati identificati collegando il Registro delle nascite ai Registri nazionali dei pazienti e delle cause di morte.

In totale, sono stati identificati 1.699 casi di cardiomiopatia ( età media alla diagnosi, 46.2 anni ) durante il follow-up con un tasso di incidenza di 5.9 per 100.000 anni di osservazione.
Di questi, 481 casi sono stati diagnosticati con cardiomiopatia dilatativa, 246 con cardiomiopatia ipertrofica, 61 con cardiomiopatia indotta da alcol / droghe e 509 con altre forme.

Il rischio più basso per la diagnosi di cardiomiopatia è stato rilevato con un indice di massa corporea di 21 kg/m2, con un aumento graduale del rischio con un indice di massa corporea più elevato, in particolare per cardiomiopatia dilatativa, con un hazard ratio di 4.71 per soggetti gravemente obesi ( BMI maggiore o uguale a 35 kg/m2 ), rispetto a BMI da 20 fino a minore di 22.5.

L'indice di massa corporea elevato tra le giovani donne è stato associato a un aumentato rischio di diagnosi di una successiva cardiomiopatia, in particolare di cardiomiopatia dilatativa, che inizia già con un peso corporeo leggermente elevato, mentre l'obesità grave ha comportato un aumento del rischio di quasi 5 volte.

Con l'aumento del numero di persone in sovrappeso o obese, si possono prevedere in futuro tassi più elevati di cardiomiopatia, insieme a un carico patologico alterato correlato all'adiposità. ( Xagena2020 )

Robertson J et al, Circulation 2020; 141: 520-529

Cardio2020 Endo2020 Gyne2020



Indietro