Probiotici innovativi
Tumore Ovaie
Tumore Mammella
ESG 2017

Infertilità, trattamento per l’infertilità e raggiungimento della gravidanza in donne sopravvissute a tumore in età pediatrica


Studi precedenti hanno mostrato una diminuzione dei tassi di gravidanza e una menopausa precoce in donne sopravvissute a tumori; tuttavia, i tassi di infertilità e gli interventi riproduttivi non sono stati studiati.

Uno studio ha valutato infertilità e tempo alla gravidanza in donne sopravvissute a un tumore in età pediatrica e ha analizzato le caratteristiche del trattamento associate a infertilità e successiva gravidanza.

CCSS ( Childhood Cancer Survivor Study ) era uno studio di coorte che ha preso in esame sopravvissuti a 5 anni a cancro da 26 Centri canadesi e statunitensi di età inferiore a 21 anni al momento della diagnosi nel periodo 1970-1986, e un gruppo di fratelli che fungeva da controllo.

Sono state incluse nel nuovo studio donne di età compresa tra 18 e 39 anni che erano state sessualmente attive.

Sono stati raccolti dati demografici, medici e riproduttivi con un questionario al basale ed è stata quantificata l’esposizione ad agenti alchilanti e radioterapia.

Sono stati analizzati infertilità auto-riferita, trattamento medico per infertilità, tempo alla prima gravidanza nelle pazienti e nei controlli e il rischio di infertilità nelle sopravvissute in base a variabili demografiche, di malattia e di trattamento.

Sono state incluse nello studio 3531 sopravvissute e 1366 sorelle nel gruppo controllo nel periodo 1992-2004.

Rispetto alle loro sorelle, le sopravvissute a cancro hanno mostrato un aumento del rischio ( rischio relativo [ RR ] 1.48; p inferiore a 0.0001 ) di infertilità clinica ( cioè, più di 1 anno di tentativi di concepimento senza successo ), che è risultata più pronunciata nella prima età riproduttiva ( RR=2.92, p=0.020, nelle partecipanti di età uguale o inferiore a 24 anni; RR=1.61, p=0.029, in quelle di età compresa tra 25 e 29 anni, e RR=1.37, p=0.0035, in quelle di età compresa tra 30 e 40 anni ).

Nonostante la stessa probabilità di richiedere un trattamento per l’infertilità, le sopravvissute hanno mostrato una minore probabilità rispetto alle loro sorelle di ricevere prescrizione di trattamenti per l’infertilità ( 0.57, p inferiore a 0.0001 ).

Dosi crescenti di radiazioni uterine e chemioterapia con agenti alchilanti sono risultate fortemente associate a infertilità.

Benché le sopravvissute a cancro abbiano mostrato un aumento del tempo alla gravidanza rispetto alle loro sorelle ( p=0.032 ), 292 ( 64% ) delle 455 partecipanti con infertilità auto-riferita hanno raggiunto la gravidanza.

In conclusione, una comprensione più ampia dell’infertilità dopo il tumore è cruciale per il counselling e le decisioni relative a futuri tentativi di concepimento e di preservazione della fertilità. ( Xagena2013 )

Barton SE et al, Lancet Oncol 2013; 14: 873-881

Onco2013 Gyne20133



Indietro