OncoGinecologia
Tumore Mammella
Tumore Ovaie
Xagena Mappa

Inibitori dell'aromatasi e rischio di esiti cardiovascolari nelle donne con tumore alla mammella


L'associazione tra inibitori dell'aromatasi ed esiti cardiovascolari tra donne con tumore mammario è controversa.
Dati i risultati discrepanti di studi randomizzati controllati e studi osservazionali, sono necessari ulteriori studi per affrontare questo problema di sicurezza.

È stato condotto uno studio di coorte basato sulla popolazione. La popolazione dello studio era composta da donne appena diagnosticate con tumore mammario che avevano iniziato una terapia ormonale con inibitori dell'aromatasi o Tamoxifene tra il 1998 e il 2016.

Sono stati stimati gli hazard ratio ( HR ) di confronto tra nuove utilizzatrici di inibitori dell'aromatasi con nuove utilizzatrici di Tamoxifene per ciascuno degli esiti dello studio ( infarto del miocardio, ictus ischemico, insufficienza cardiaca e mortalità cardiovascolare ).

La popolazione dello studio era composta da 23.525 pazienti con nuova diagnosi di tumore alla mammella, di cui 17.922 avevano iniziato il trattamento con un inibitore dell'aromatasi o Tamoxifene ( rispettivamente 8.139 e 9.783 ).

L'uso di inibitori dell'aromatasi è risultato associato a un rischio significativamente maggiore di insufficienza cardiaca ( tasso di incidenza, 5.4 vs 1.8 per 1.000 anni-persona; HR, 1.86 ) e mortalità cardiovascolare ( tasso di incidenza, 9.5 vs 4.7 per 1.000 anni-persona; HR, 1.50 ) rispetto all'uso del Tamoxifene.

Gli inibitori dell'aromatasi sono stati associati a hazard ratio elevati, ma includendo il valore nullo, per infarto del miocardio ( tasso di incidenza, 3.9 vs 1.8 per 1.000 anni-persona; HR, 1.37 ) e ictus ischemico ( tasso di incidenza, 5.6 vs 3.2 per 1.000 anni-persona; HR, 1.19 ).

In questo studio basato sulla popolazione, gli inibitori dell'aromatasi sono risultati associati a un aumentato rischio di insufficienza cardiaca e mortalità cardiovascolare rispetto al Tamoxifene.
Ci sono state anche tendenze verso un aumento dei rischi, sebbene non-significativi, di infarto miocardico e ictus ischemico.
L'aumento del rischio di eventi cardiovascolari associati agli inibitori dell'aromatasi deve essere bilanciato con i benefici clinici rispetto al Tamoxifene. ( Xagena2020 )

Khosrow-Khavar F et al, Circulation 2020; 141: 549-559

Cardio2020 Gyne2020 Onco2020 Farma2020


Indietro