Tumore Ovaie
Tumore Mammella
Xagena Mappa
OncoGinecologia

La dieta a basso contenuto di grassi riduce il rischio di tumore dell’ovaio


Una dieta a basso contenuto in grassi può ridurre il rischio di carcinoma ovarico nelle donne sane in postmenopausa, sulla base dei risultati del Women’s Health Initiative ( WHI ) Dietary Modification Trial.

I Ricercatori hanno riscontrato che dopo 4 anni, le donne che hanno ridotto la quantità di grassi nella dieta presentavano un rischio, ridotto del 40%, di sviluppare carcinoma ovarico, rispetto alle donne che hanno seguito una dieta normale.

I benefici dell’intervento di cambiamento dietetico, richiedono diversi anni prima di diventare evidenti.

Il tumore dell’ovaio colpisce quasi 1 donna su 60 negli Stati Uniti, nel corso della vita, ed è associato ad alta mortalità.

Lo studio WHI Dietary Modification ha coinvolto 48.835 donne sane in postmenopausa, che sono state seguite in media per 8,1 anni, con l’obiettivo di verificare se una dieta a basso contenuto di grassi fosse in grado di ridurre il rischio di tumore e di malattia cardiovascolare.

Quasi 20.000 donne nel gruppo d’intervento hanno ricevuto il supporto del counseling con l’obiettivo di ridurre l’assunzione di grassi, pari al 20% delle calorie, e di sostituire le calorie fornite dai grassi con quelle di vegetali, frutta e grano.
Il gruppo controllo, costituito da quasi 30.000 donne, ha ricevuto solamente materiale educazionale sulla dieta da seguire.

Le donne in entrambi i gruppi, all’inizio dello studio, assumevano, in media, più del 35% delle calorie dai grassi.

Alla fine del primo anno, nel gruppo dieta a basso contenuto di grassi, in media, il 24% delle calorie proveniva dal grasso ( circa l’11% meno rispetto alle donne nel gruppo dieta normale ).

Al termine dello studio, nelle donne nel gruppo dieta a basso contenuto di grassi, il 29% delle calorie, in media, proveniva dal grasso, rispetto al 37% nel gruppo dieta normale.

Le donne nel gruppo dieta a basso contenuto di grassi ha aumentato il consumo dei vegetali, frutta e cereali.

I Ricercatori hanno osservato che le donne, che all’inizio dello studio avevano la pià alta assunzione di grasso con la dieta e che hanno ridotto l’assunzione nel corso dello studio, presentavano un rischio di tumore dell’ovaio più basso.
Inoltre, sebbene nessun effetto sia stato riscontrato nell’incidenza di tumore endometriale, i nuovi risultati hanno indicato una piccola riduzione nel rischio generale di tumore tra le donne che hanno assunto meno grassi con la dieta ( dato statisticamente non significativo ).

Lo studio sulla dieta a basso contenuto di grassi, è uno degli studi clinici randomizzati, di cui si compone il Women’s Health Initiative.
Due studi sono stati disegnati per chiarire il ruolo della terapia ormonale ( Estrogeno + Progestinico, Estrogeno da solo ). Entrambi gli studi sono stati interrotti prima della loro naturale conclusione, a causa dell’aumentato rischio di ictus, trombosi, e tumore della mammella. Nei due studi non è stata riscontrata riduzione del rischio di malattia cardiaca.
Un altro studio ha esaminato gli effetti della supplementazione a base di Calcio e di Vitamina D sulle fratture ossee correlate all’osteoporosi, e sul tumore del colon-retto. Lo studio ha trovato che la supplementazione fornisce un modesto beneficio nel preservare la massa ossea e nel prevenire le fratture dell’anca in alcuni gruppi di donne sane in postmenopausa, specialmente nelle donne di età superiore ai 60 anni, ma non previene altri tipi di fratture o il tumore colorettale. ( Xagena2007 )

Fonte: National Institutes of Health, 2007


Onco2007 Gyne2007



Indietro