Xagena Mappa
Tumore Mammella
OncoGinecologia
Tumore Ovaie

La terapia combinata agonista del recettore GLP-1 e inibitore SGLT2 fornisce maggiore perdita di peso per le donne con sindrome dell'ovaio policistico


La terapia di combinazione con un agonista del recettore GLP-1 e un inibitore SGLT2 può fornire migliori benefici di perdita di peso rispetto a un singolo agente per le donne con sindrome dell'ovaio policistico ( PCOS ) e obesità.

In uno studio randomizzato, in singolo cieco, di 24 settimane, i partecipanti assegnati a una doppia terapia di 2 mg settimanali dell'agonista del recettore GLP-1 Exenatide ( Bydureon ) e 10 mg al giorno dell'inibitore SGLT2 Dapagliflozin ( Farxiga ) hanno perso peso in misura maggiore rispetto a quelli che hanno assunto il farmaco da solo o a quelli che hanno ricevuto Dapagliflozin e Metformina a rilascio prolungato ( Xigduo XL ) o Fentermina / Topiramato a rilascio prolungato ( Qsymia ).

La doppia terapia con Exenatide e Dapagliflozin è stata associata a una maggiore perdita di peso nelle donne con sindrome PCOS rispetto a Dapagliflozin da solo o a Dapagliflozin con Metformina.

Sono state reclutate 119 donne in premenopausa di età compresa tra 18 e 45 anni con obesità e sindrome PCOS e senza diabete per partecipare allo studio.
Le partecipanti sono state assegnate in modo casuale a una di cinque terapie: Exenatide da solo, Dapagliflozin da solo, doppia terapia a base di Exenatide e Dapagliflozin, terapia combinata di Dapagliflozin e Metformina o il farmaco dimagrante Fentermina / Topiramato a rilascio prolungato.
Le valutazioni cliniche, antropometriche e biochimiche sono state condotte al basale, a 12 settimane e a 24 settimane.

Tutti i gruppi di trattamento hanno presentato miglioramenti nella glicemia a digiuno, nella glicemia media, nella sensibilità all'insulina e nella secrezione di insulina a 24 settimane.
Le partecipanti che hanno ricevuto la combinazione di Exenatide e Dapagliflozin hanno avuto una riduzione maggiore della glicemia media rispetto ai gruppi a rilascio prolungato Dapagliflozin, Dapagliflozin e Metformina e Fentermina / Topiramato ( P minore di 0.03 ).
Coloro che hanno ricevuto Exenatide o Exenatide e Dapagliflozin hanno avuto un aumento maggiore della secrezione di insulina rispetto agli altri tre gruppi di trattamento ( P minore di 0.04 ).

Tutti e cinque i gruppi di trattamento hanno mostrato riduzioni del peso corporeo assoluto e dell'indice di massa corporea ( BMI ) a 24 settimane, ma il gruppo Exenatide e Dapagliflozin ha avuto una perdita di peso maggiore rispetto a quelli che hanno ricevuto solo Dapagliflozin o Dapagliflozin e Metformina ( P = 0.005 ).
La perdita di peso media è stata del 6.9% per coloro che hanno ricevuto terapia con Exenatide e Dapagliflozin e dell'8% per quelle che sono stati trattate con Fentermina / Topiramato a rilascio prolungato rispetto all'1.5% per le donne trattate solo con Dapagliflozin e all'1.7% per quelle che hanno assunto Dapagliflozin e Metformina ( P minore di 0.001 ).

È noto che una modesta perdita di peso riduce il rischio di futuro diabete mellito negli individui con prediabete. Non è quindi da escludere che la modesta riduzione del peso corporeo abbia contribuito in parte al miglioramento della sensibilità all'insulina in tutti i gruppi.
Mentre il rilascio prolungato di Fentermina / Topiramato ha determinato cambiamenti significativi nell'indice BMI e nella circonferenza della vita, solo Exenatide e Dapagliflozin ed Exenatide da soli hanno determinato miglioramenti significativi nella secrezione di insulina e nella glicemia media rispetto a un test di tolleranza al glucosio orale. Questa scoperta ha confermato l'effetto benefico degli agonisti del recettore GLP-1 sulla funzione delle cellule beta in questa popolazione prediabetica obesa.

Il colesterolo, il colesterolo HDL, il colesterolo LDL e il rapporto trigliceridi / colesterolo HDL non sono risultati differenti tra i due gruppi.
I trigliceridi erano inferiori a 24 settimane per i gruppi Exenatide e Dapagliflozin rispetto a Fentermina / Topiramato a rilascio prolungato ( P minore di 0.05 ).
Sia la pressione sistolica che quella diastolica sono diminuite in tutti i trattamenti a 24 settimane.
Non sono stati segnalati eventi avversi gravi durante lo studio. ( Xagena2021 )

Fonte: The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 2021

Endo2021 Gyne2021 Farma2021


Indietro