Menopausa
Tumore Ovaie
Tumore Mammella
OncoGinecologia

L’Acido Zoledronico blocca la recidiva di tumore alla mammella nelle donne in postmenopausa


Secondo i risultati di un ampio studio randomizzato, le donne in postmenopausa con carcinoma mammario precoce hanno presentato un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da malattia quando sono state trattate con Acido Zoledronico ( Zoledronato; Zometa ), un farmaco mirato specificamente all’osso.

Il trattamento con i bifosfonati è stato associato ad un miglioramento del 25% nella sopravvivenza libera da malattia, che successivamente si è tradotto in un miglioramento del 26% nella sopravvivenza generale.

Le donne più giovani non hanno ottenuto lo stesso beneficio dall’Acido Zoledronico, suggerendo che un ambiente a basso contenuto di estrogeni possa essere una condizione necessaria per l’effetto del farmaco sul cancro al seno.

Sebbene non sia un trattamento per qualsiasi donna con tumore della mammella, è stata scoperta una eterogeneità di effetti altamente significativa in base allo stato menopausale.
Le pazienti più anziani sembrano trarre benefici del farmaco, a differenza delle pazienti più giovani ( che potrebbero esserne danneggiate ).

L’efficacia adiuvante e il danno del bifosfonato possono dipendere dagli effetti degli estrogeni e di altri ormoni che sono importanti nel mantenimento della salute delle ossa e che variano nel periodo della menopausa.

I risultati provengono da una nuova analisi dei dati dello studio AZURE ( Adjuvant Zoledronic Acid to Reduce Recurrence ), uno studio randomizzato, multicentrico, disegnato per determinare se l'Acido Zoledronico adiuvante possa ridurre il rischio di recidiva nei pazienti con carcinoma mammario precoce.

Un totale di 3.360 pazienti con cancro al seno in stadio II/III sono state assegnate in modo casuale al solo standard di cura o all’associazione con Acido Zoledronico.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia invasiva.

L'analisi primaria non ha mostrato alcuna differenza nel tasso di recidiva tra i due gruppi di trattamento: 243 eventi endpoint nel gruppo Acido Zoledronico rispetto a 276 eventi senza il bifosfonato ( hazard ratio, HR=0.85, P=0.07 ).

Le analisi dei sottogruppi prespecificati dello studio hanno mostrato una costante mancanza di effetto, tranne che per lo stato menopausale, che ha manifestato una significativa interazione con l’effetto del trattamento ( P=0.0049 ).

Le 1.041 donne che erano in menopausa da più di 5 anni hanno avuto una riduzione del 25% del rischio di recidiva quando sono state trattate con Acido Zoledronico ( HR=0.75, P=0.02 ).

La riduzione del rischio di recidiva è stata associata a un miglioramento simile nel sopravvivenza generale ( HR=0.74, P=0.04 ).

Tutte le altre partecipanti allo studio non hanno mostrato benefici nei confronti della recidiva con il bifosfonato e infatti hanno presentato un trend verso un aumento del rischio ( HR=1.15, P=0.11 ).

Data la specificità ossea dell’Acido Zoledronico, il risultato più sorprendente di questo studio ha riguardato l’ambiente extra-osseo.
Nelle donne più anziane, vi è una marcata riduzione della diffusione ad altri organi o di nuovo al seno, mentre nelle pazienti più giovani questo trattamento aggiuntivo sembra avere un effetto negativo.

La differenza tra questi due gruppi è molto significativa. C'è solo 1 probabilità su 5.000 che questo risultato sia casuale.
È, tuttavia, sottolineare che i risultati sono emersi da un'analisi di sottogruppo.

Gli effetti discordanti dell’Acido Zoledronico ( minima attività contro la recidiva nelle ossa, ma sostanziale beneficio nei tessuti molli ) necessitano di ulteriori indagini. ( Xagena2011 )

Fonte: ECCO-ESMO, 2011


Gyne2011 Onco2011 Farma2011


Indietro