Vulvodinia - Graziottin
Vulvodinia
Xagena Mappa
Tumore Mammella

Lattogenesi e allattamento al seno dopo inserimento immediato versus ritardato di impianto contraccettivo a base di Etonogestrel durante l'ospedalizzazione per parto


L'avvio di un contraccettivo a base di un progestinico prima del calo del progesterone necessario per avviare la fase II della lattogenesi potrebbe teoricamente influenzare l'allattamento.
Precedenti studi hanno dimostrato che l'inizio della contraccezione a base di progestinico nel periodo postnatale prima della dimissione dal ricovero in ospedale non ha effetti dannosi sull'inizio o sulla continuazione dell'allattamento al seno rispetto all'inizio dell'intervallo ambulatoriale. Tuttavia, attualmente non ci sono dati sull'allattamento al seno sull'impatto dell'inizio dell'impianto contraccettivo di Etonogestrel nel primo periodo postnatale immediatamente in sala parto.

Uno studio ha esaminato l'effetto dell'inserimento dell'impianto contraccettivo di Etonogestrel in sala parto rispetto al fase ritardata sugli esiti dell'allattamento al seno.

Lo studio controllato e randomizzato di non-inferiorità aveva come obiettivo quello di determinare se il tempo alla fase II della lattogenesi ( inizio dell'abbondante secrezione di latte ) differisse in base alla tempistica dell'inserimento dell'impianto di Etonogestrel durante l'ospedalizzazione per parto.

Le donne incinte sono state assegnate in modo casuale all'inserimento dell'impianto di Etonogestrel da 0 a 2 ore ( impianto in sala parto ) versus da 24 a 48 ore ( impianto ritardato ) dopo il parto.
Le partecipanti intendevano allattare al seno, desideravano un impianto contraccettivo per la contraccezione postpartum, e non avevano allergie o controindicazioni all'impianto di Etonogestrel.
L'insorgenza della fase II della lattogenesi è stata valutata giornalmente utilizzando uno strumento convalidato.
Il margine di non-inferiorità per la differenza media nel tempo alla fase II della lattogenesi è stato definito come 12 ore in un'analisi per protocollo.
Ulteriori sondaggi elettronici hanno raccolto dati sull'allattamento al seno e sulla continuazione della contraccezione a 2 e 4 settimane e a 3, 6 e 12 mesi.

Sono state arruolate e randomizzate 95 partecipanti; 77 partecipanti sono stati inclusi nell'analisi intent-to-treat modificata ( mITT ) ( n=38 nel gruppo impianto in sala parto e n=39 nel gruppo impianto ritardato ) dopo averne esclusi 18 a causa della revoca del consenso, della modifica dei piani contraccettivi o dell'allattamento al seno o della mancata fornitura primaria dei dati di esito.

Un totale di 69 partecipanti è stato incluso nell'analisi come trattata ( n=35 impianto in sala parto, n=34 impianto ritardato ); sono stati esclusi 8 partecipanti che hanno ricevuto l'impianto di Etonogestrel al di fuori delle finestre del protocollo e 2 partecipanti del gruppo della sala parto hanno ricevuto l'impianto di Etonogestrel tra le 24 e le 48 ore e sono stati analizzati con il gruppo ritardato.

I partecipanti erano simili tra i gruppi per età, età gestazionale e precedenti esperienze di allattamento al seno. L'inserimento in sala parto era non inferiore all'inserimento ritardato durante l'ospedalizzazione per parto nel tempo alla fase II della lattogenesi ( sala parto [ media ], 65 ore; ritardo, 73 ore; differenza media, -9 ore; intervallo di confidenza al 95% , da -27 a 10 ).

L'insorgenza della fase II della lattogenesi entro il giorno 3 dopo il parto non è risultato significativamente diverso tra i gruppi.

L'interruzione dell'allattamento si è verificata nel 5,5% ( n=2 ) dei partecipanti nel gruppo ritardato.

I tassi di allattamento al seno in corso non differivano tra i gruppi, con tassi decrescenti di allattamento al seno qualsiasi / esclusivo durante il primo anno dopo il parto.

La maggior parte delle persone ha continuato a utilizzare l'impianto a 12 mesi, senza differenze tra i gruppi.

In conclusione, l'inserimento in sala parto dell'impianto contraccettivo a base di Etonogestrel non ritarda l'insorgenza della lattogenesi rispetto alla fase ritardata durante l'ospedalizzazione per parto e pertanto dovrebbe essere offerto di routine come parte della consulenza contraccettiva postpartum centrata sulla persona, indipendentemente dalle intenzioni di allattamento. ( Xagena2023 )

Henkel A et al, Am J Obstet Gynecol 2023; 228: 55.e1-55.e9.

Gyne2023 Pedia2023 Farma2023



Indietro