Xagena Mappa
OncoGinecologia
Tumore Mammella
Tumore Ovaie

Le donne che soffrono di problemi legati alla contraccezione orale possono trarre beneficio dal passaggio a Belara


Uno studio prospettico osservazionale su 16.781 donne ha preso in esame gli effetti del cambiamento del contraccettivo orale, e passaggio a Belara,. sul controllo del ciclo, sulla dismenorrea, sulle condizioni della pelle correlate agli androgeni e sulla tollerabilità.

Belara è un contraccettivo a base di Clormadinone ( 2 mg ) e di Etinilestradiolo ( 0.03 mg ).

Il fattore che più frequentemente aveva indotto a passare a Belara era stata la seborrea / acne ( 41.3% ). Questo era seguito dall’irregolarità del ciclo ( 18.8% ), dalla cefalea ( 15.9% ), dalla tensione al seno ( 15.1 % ), dall’amenorrea ( 14.9% ), dallo spotting ( 12.8% ) e dalla dismenorrea ( 11.7% ).

In seguito a passaggio a Belara, questi sintomi sono risultati sostanzialmente diminuiti, o persino scomparsi in un elevato numero di donne.

La maggioranza delle donne esaminate ha assegnato il punteggio di molto buono o buono alla tollerabilità e al benessere dall’assunzione dell’associazione Clormadinone / Etinilestradiolo.
L’80.5% delle donne ha dichiarato di essere molto soddisfatta dall’assunzione di Belara rispetto ai contraccettivi che utilizzavano in precedenza.
I contraccettivi utilizzati prima di passare a Belara erano i seguenti: contraccettivi orali combinati con progestigeni di prima generazione ( es. Noretisterone, Lynestrenol ) ( 2,9%); contraccettivi orali combinati con progestinici di seconda generazione ( es Levonorgestrel ) ( 36.0% ); contraccettivi orali combinati con progestinici di terza generazione ( es Desogestrel, Gestodene, Norgestimate ) ( 16.6% ); contraccettivi orali combinati con Ciproterone ( 7.9% ); contraccettivi orali combinati con Clormadinone ( 1.4 % ); contraccettivi orali combinati con Dienogest ( 12.2 % ); contraccettivi orali combinati con Drospirenone ( 0.5% ); contraccettivi orali combinati in pillole monofasiche, bifasiche, trifasiche (20.5% ); pillole a base di solo progestinico (1.3% ); spirale ( IUD ) / sistema intrauterino ( IUS ) ( 0.3% ); altre pillole monofasiche con 50 microg di Etinilestradiolo.

Lo studio ha mostrato che le donne che soffrivano di problemi legati alla contraccezione orale hanno tratto beneficio dal passaggio a Belara.
Belara è risultato ben tollerato e fornisce una reale stabilità del ciclo; inoltre è efficace nel ridurre la dismenorrea o altri disturbi correlati al ciclo mestruale. ( Xagena2007 )

Schramm G, Heckes B, Contraception 2007; 76: 84–90


Gyne2007 Farma2007


Indietro