OncoGinecologia
Tumore Mammella
Tumore Ovaie
Xagena Mappa

Mifepristone per i fibromi uterini


I fibromi uterini sono i più comuni tumori benigni uterini presenti nelle donne in età riproduttiva. Il Mifepristone ( RU-486; Mifegyne ) si lega ed inibisce competitivamente i recettori del progesterone.

Alcuni studi hanno suggerito che la crescita del fibroma dipende dagli steroidi sessuali. Mifepristone ha dimostrato di ridurre le dimensioni del fibroma.

Una revisione ha riassunto gli effetti del trattamento con Mifepristone sui fibromi e gli effetti indesiderati associati come descritto in studi randomizzati controllati.

Sono stati inclusi 3 studi che hanno coinvolto 112 partecipanti.
Interventi di confronto hanno incluso diversi dosaggi di Mifepristone, placebo e compresse di vitamina B.

Ci sono prove che il trattamento con Mifepristone riduce il forte sanguinamento mestruale rispetto al placebo ( Peto OR 17.84, 2 studi, 77 donne, I2=0% ).

Tre studi ( Bagaria 2009; Engman 2009; Fiscella 2006 ) sono stati inclusi nella meta-analisi di questo confronto.
Non c'è stata evidenza di un effetto del Mifepristone sul volume del fibroma ( differenza media standardizzata SMD -0.02; 99 donne ).

Due studi ( Bagaria 2009; Fiscella 2006 ) sono stati inclusi nella meta-analisi di questo confronto.
Non c'è stata evidenza di un effetto del Mifepristone sul volume uterino ( differenza media MD -77.24; 72 donne ).

I dati raccolti hanno mostrato un aumento degli eventi avversi ( anomala istologia endometriale ) nel gruppo Mifepristone rispetto al placebo ( OR=31.65, 2 studi, 54 donne, I2=0% ).

Solo uno studio ( Bagaria 2009 ) ha riportato iperplasia endometriale al termine della terapia ( 12/19 donne nel gruppo Mifepristone rispetto a 0/16 nel gruppo placebo, OR=55.0 ).

Lo studio Engman 2009 ha rilevato un significativo aumento del tasso di dilatazione cistica ghiandolare nelle donne del gruppo Mifepristone ( 5/8 donne sottoposte a biopsia ) rispetto al gruppo placebo ( 1/11 donne ) ( OR=16.67 ).

Uno studio ( Fiscella 2006 ) ha suggerito miglioramenti significativi ( p inferiore a 0.001 ) per esiti specifici della qualità di vita.

In conclusione, il Mifepristone ha ridotto il forte sanguinamento mestruale e ha migliorato la qualità di vita fibroma-specifica.
Tuttavia, non è emersa una riduzione del volume del fibroma.
Ulteriori studi randomizzati ben progettati e di sufficiente potenza sono necessari prima che possa essere fatta una raccomandazione relativa al Mifepristone per il trattamento di fibromi uterini. ( Xagena2012 )

Tristan M et al, Cochrane Sist Rev 2012

Gyne2012 Farma2012


Indietro