Vulvodinia Survey
Tumore Ovaie
Xagena Mappa
Tumore Mammella

Mutazioni del gene MED12 nei leiomiomi uterini: previsione della riduzione del volume da parte degli agonisti dell'ormone di rilascio delle gonadotropine


Gli agonisti dell'ormone di rilascio delle gonadotropine ( GnRH ) sono impiegati per trattare i leiomiomi uterini in premenopausa; tuttavia, la riduzione del volume del leiomioma non è sempre raggiunta. Il tasso di riduzione dopo questo trattamento varia per ogni leiomioma, anche nello stesso paziente.
Pertanto, è necessario un metodo efficace per prevedere la riduzione del volume del leiomioma uterino per ridurre gli effetti ipoestrogenici avversi e il carico economico correlato al farmaco associato agli agonisti dell'ormone di rilascio delle gonadotropine.

L'obiettivo dello studio è stato quello di determinare l'uso predittivo delle mutazioni del gene MED12 per valutare l'effetto del trattamento con agonisti dell'ormone di rilascio delle gonadotropine riguardo alla riduzione del volume del leiomioma uterino e per prevedere lo stato della mutazione MED12 sulla base dei risultati della risonanza magnetica eseguita prima del trattamento.

La mutazione dell'esone 2 di MED12 e l'espressione dell'eritropoietina nei leiomiomi uterini sono state valutate per quanto riguarda la riduzione del volume, misurata mediante risonanza magnetica.

E' stato sviluppato un sistema per classificare i leiomiomi in base ai segnali di risonanza magnetica pesati in T2 per prevedere in modo non-invasivo la presenza o l'assenza di mutazioni MED12 nei leiomiomi.
I campioni di leiomioma ( superiore a 5 cm ) sono stati ottenuti da 168 pazienti durante un intervento chirurgico ( isterectomia o miomectomia ) tra il 2005 e il 2021 presso lo Yokohama City University Hospital ( Giappone ).

Per analizzare il tasso di riduzione del volume del leiomioma, a 41 pazienti è stato somministrato nel setting preoperatorio l'agonista dell'ormone di rilascio delle gonadotropine ( Leuprorelina acetato 3,75 mg, iniezione sottocutanea mensile ) per 3 mesi; la risonanza magnetica è stata eseguita prima e dopo il trattamento senza mezzo di contrasto.

I pazienti con mutazioni dell'esone 2 del gene MED12 hanno presentato una minore riduzione del volume dopo il trattamento con l'agonista dell'ormone di rilascio delle gonadotropine ( P inferiore a 0.001 ) e hanno mostrato un'intensità del segnale inferiore nelle immagini pesate in T2 rispetto a quelli con leiomiomi che esprimono esone 2 con gene MED12 wild-type.

Il sistema di classificazione basato sulla risonanza magnetica proposto ha mostrato che le mutazioni dell'esone 2 del gene MED12 erano più frequenti nel gruppo a bassa intensità di segnale che nel gruppo ad alta intensità di segnale, con proporzioni quasi uguali di leiomiomi dell'esone 2 del gene MED12 mutato e wild-type notato nel gruppo intermedio.
Il gruppo a bassa intensità di segnale aveva livelli di espressione di eritropoietina significativamente più bassi rispetto al gruppo ad alta intensità di segnale ( P inferiore a 0.001 ).

In conclusione, lo stato di mutazione MED12 può essere un marcatore candidato per predire l'effetto degli agonisti dell'ormone di rilascio delle gonadotropine sulla riduzione del leiomioma uterino.
I risultati della risonanza magnetica possono essere utilizzati per determinare lo stato della mutazione MED12 come strategia non-invasiva per selezionare i pazienti che molto probabilmente beneficeranno del trattamento con l'agonista dell'ormone di rilascio delle gonadotropine. ( Xagena2023 )

Nagai K et al, Am J Obstet Gynecol 2023; 228: 207.e1-207.e9.

Gyne2023 Onco2023 Farma2023



Indietro