Xagena Mappa
OncoGinecologia
Tumore Ovaie
Tumore Mammella

Prognosi di pazienti con tumore alla mammella precoce che ricevono 5 anni versus 2 anni di trattamento adiuvante con bifosfonati


Il trattamento con bifosfonati nei pazienti con carcinoma mammario in fase iniziale è diventato parte della cura, ma la durata ottimale del trattamento non è ancora ben definita.

È stato fatto un confronto tra 2 e 5 anni di trattamento con Zoledronato ( Zometa ) dopo chemioterapia adiuvante nei pazienti con tumore al seno in fase iniziale.
Lo studio clinico multicentrico, randomizzato, in aperto, di fase 3, SUCCESS A, ha arruolato 3.754 pazienti nel periodo 2005-2007.

In 250 centri di studio tedeschi, i pazienti erano idonei per la partecipazione allo studio SUCCESS A se avevano un tumore mammario invasivo primario con linfonodo positivo o linfonodo negativo ad alto rischio ( definito come almeno uno dei seguenti: dimensione del tumore maggiore o uguale a pT2, grado istologico 3, stato del recettore ormonale negativo [ HR- ] o età inferiore o uguale a 35 anni ).

I pazienti sono stati prima randomizzati alla chemioterapia adiuvante con 3 cicli di Fluorouracile, Epirubicina e Ciclofosfamide seguiti da 3 cicli di Docetaxel con o senza Gemcitabina ( non presentati in questo rapporto ).

Dopo la chemioterapia, i pazienti sono stati sottoposti a una seconda randomizzazione di 5 anni di trattamento con Zoledronato ( 4 mg per via endovenosa ogni 3 mesi per 2 anni, seguiti da 4 mg per via endovenosa ogni 6 mesi per 3 anni ) versus 2 anni di trattamento con Zoledronato ( 4 mg per via endovenosa ogni 3 mesi per 2 anni ).

L'endpoint primario dello studio era la sopravvivenza libera da malattia; gli endpoint secondari erano la sopravvivenza globale, la sopravvivenza libera da malattia a distanza e l'incidenza di eventi avversi correlati allo scheletro.
I tempi di sopravvivenza sono stati misurati a partire da 2 anni dopo l'inizio del trattamento con Zoledronato ( analisi di riferimento ).

Nel complesso, erano disponibili per l'analisi i dati di 2.987 pazienti; l'età media era di 53 anni.

La sopravvivenza libera da malattia, la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da malattia a distanza non differivano in modo significativo tra i 2 bracci di trattamento ( 5 vs 2 anni ), come mostrato dai modelli di regressione a rischi proporzionali di Cox multivariabili aggiustati ( sopravvivenza libera da malattia: hazard ratio, HR=0.97; P=0.81; sopravvivenza globale: HR=0.98; P=0.90; sopravvivenza libera da malattia a distanza: HR=0.87; P=0.38 ).

Gli eventi avversi sono stati osservati più spesso nel braccio di trattamento con Zoledronato per 5 anni ( 46.2% ) rispetto a 2 anni ( 27.2% ), il che è stato particolarmente vero per gli eventi correlati allo scheletro di dolore osseo ( 5 anni, 8.3% vs 2 anni, 3.7% ) e artralgia ( 5 anni, 5.1% vs 2 anni, 3.1% ).

I risultati di questo studio clinico randomizzato di fase 3 hanno indicato che l'estensione del trattamento con Zoledronato oltre i 2 anni non migliora la prognosi dei pazienti ad alto rischio con carcinoma alla mammella in fase iniziale che ricevono chemioterapia, suggerendo che la durata del trattamento con bifosfonati attualmente raccomandata da 3 a 5 anni potrebbe essere ridotta. ( Xagena2021 )

Friedl TWP et al, JAMA Oncol 2021; 7: 1149-1157

Onco2021 Gyne2021 Endo2021 Farma2021


Indietro