Xagena Mappa
OncoGinecologia
Tumore Ovaie
Tumore Mammella

Rischi di gravidanza ed esiti alla nascita avversi nelle donne trattate o non-trattate con stabilizzatori di umore per disturbo bipolare


Sono stati valutati i rischi di gravidanza e gli esiti avversi alla nascita per il disturbo bipolare trattato e non-trattato durante la gravidanza, mediante uno studio di coorte che ha utilizzato i dati dei registri sanitari nazionali svedesi.

Hanno partecipato allo studio 332.137 donne con un ultimo periodo mestruale in qualsiasi momento dopo il 1° luglio 2005 e un parto in qualsiasi momento prima della fine del 31 dicembre 2009.

Le donne con almeno due diagnosi bipolari sono state identificate e raggruppate come trattate ( n=320 ), cioè quelle che avevano avuto una prescrizione di stabilizzatori dell'umore ( Litio, antipsicotici, o anticonvulsivanti ) durante la gravidanza, o non-trattate ( n=554 ).
Entrambi i gruppi sono stati confrontati con tutte le altre donne che avevano partorito ( n=331.263 ).

Le principali misure di esito erano nascita pretermine, modalità di inizio del travaglio, diabete gestazionale, bambini nati piccoli o grandi per l'età gestazionale, morbilità neonatale e malformazioni congenite.

Tra le donne non-trattate, il 30.9% ( n=171 ) ha avuto un parto indotto o cesareo programmato rispetto al 20.7% ( n=68.533 ) senza disturbo bipolare ( odds ratio, OR=1.57 ).
I valori corrispondenti per le donne trattate sono stati 37.5% ( n=120 ) ( OR=2.12 ).

I rischi di parto pretermine nelle donne sia trattate che non-trattate sono aumentati del 50%.
Tra le donne non-trattate, il 3.9% ( n=542 ) ha avuto un bambino affetto da microcefalia contro il 2.3% ( 324.844 ) delle donne senza disturbo bipolare ( OR=1.68 ).
I valori corrispondenti per le donne trattate sono stati 3.3% ( n=311 ) ( OR=1.26 ).

Tendenze simili sono state osservate per il rischio di avere neonati piccoli per età gestazionale, per peso e lunghezza.
Tra i neonati di donne non-trattate, il 4.3% ( n=24 ) presentava ipoglicemia neonatale rispetto al 2.5% ( n=8.302 ) tra i neonati di donne senza disturbo bipolare ( OR=1.51 ) e il 3.4% ( n=11 ) delle donne trattate ( OR=1.18 ).
Non è stata riscontrata nessuna differenza significativa tra le donne trattate e non-trattate.

In conclusione, il disturbo bipolare nelle donne durante la gravidanza, se trattata o meno, è risultato associato a un aumentato rischio di esiti negativi della gravidanza. ( Xagena2012 )

Bodén R et al, BMJ 2012; 345: e7085

Gyne2012 Pedia2012 Psyche2012 Farma2012


Indietro