Menopausa
Tumore Mammella
OncoGinecologia
Tumore Ovaie

Storia di endometriosi e perdita ricorrente di gravidanza, nuovi fattori di rischio per il tromboembolismo venoso in gravidanza e dopo il parto


Una storia di endometriosi e di perdita ricorrente di gravidanza è stata identificata come nuovi fattori di rischio per il tromboembolismo venoso durante la gravidanza e il periodo postparto.

La gravidanza e il postpartum sono associati allo sviluppo di tromboembolismo venoso, pertanto le lineeguida raccomandano la tromboprofilassi con Eparina a basso peso molecolare per i pazienti ad alto rischio.
Ricerche passate avevano indicato che un precedente tromboembolismo venoso era il più importante fattore di rischio per il tromboembolismo venoso in gravidanza o dopo il parto.

I ricercatori miravano a valutare i fattori di rischio per il tromboembolismo venoso durante la gravidanza e il parto in una popolazione giapponese e ad espandere la ricerca su questo rischio in un ampio studio basato sulla popolazione.

Nello studio, i ricercatori hanno preso in esame il Japan Environment and Children's Study ( JECS ), una coorte nazionale composta da 103.070 donne incinte arruolate nel periodo 2011-2014.
Le donne hanno completato i questionari sulle caratteristiche sociodemografiche, storia medica, dettagli di tutte le precedenti gravidanze, esercizio fisico, reddito e livello di istruzione.
I questionari sono stati somministrati in due fasi; il primo durante il primo trimestre e il secondo nel secondo o terzo trimestre.
Le cartelle cliniche sono state trascritte al momento della registrazione nella coorte, subito dopo il parto, e 1 mese dopo il parto.

La frequenza del tromboembolismo venoso è risultata pari a 7.5 per 10.000 gravidanze.
Dopo aggiustamento per più covariate, una storia di endometriosi e perdita ricorrente di gravidanza sono stati identificati come nuovi fattori di rischio indipendenti per il tromboembolismo venoso.

Il rapporto di probabilità ( odds ratio, OR ) aggiustato per endometriosi è stato pari a 2.70 ( intervallo di confidenza [ IC ] al 95%, 1.21-6.00, P = 0.015 ).
L'odds ratio corretto per la perdita ricorrente di gravidanza è stato pari a 6.13 ( IC 95%, 2.48-15.2; P inferiore a 0.001 ).

Fattori di rischio per il tromboembolismo venoso sono risultati anche: nascita pretermine, taglio cesareo, minaccia di parto prematuro e aborto minacciato.

Secondo i ricercatori si deve prestare particolare attenzione ai nuovi predittori, come l'endometriosi e la perdita ricorrente di gravidanza, nella prevenzione del tromboembolismo venoso nelle donne in gravidanza. ( Xagena2019 )

Fonte: Thrombosis and Haemostasis, 2019

Cardio2019 Emo2019 Gyne2019



Indietro