OncoGinecologia
Tumore Mammella
Tumore Ovaie
Xagena Mappa

Studio LEA: nessun beneficio statisticamente significativo di Bevacizumab nel cancro al seno avanzato HR-positivo


Nello studio LEA ( Letrozole/Fulvestrant and Avastin ), Bevacizumab è stato aggiunto a Letrozolo ( Femara ) o Fulvestrant ( Faslodex ) come trattamento di prima linea per il cancro al seno avanzato positivo per il recettore ormonale ( HR ).
La terapia di combinazione, tuttavia, non ha mostrato un aumento statisticamente significativo della sopravvivenza libera da progressione rispetto alla monoterapia endocrina.

I primi risultati di efficacia dello studio hanno mostrato che la sopravvivenza libera da progressione era migliore quando Bevacizumab era combinato con la terapia endocrina, rispetto alla sola terapia endocrina ( 18.4 vs 13.8 mesi, p = 0.14 ).
Questo si è tradotto in un rapporto di rischio ( hazard ratio ) non-significativo di 0.83.

Ci sono stati 131 eventi di sopravvivenza libera da progressione nel gruppo di combinazione e 117 nel gruppo in monoterapia nel periodo di 4 anni di studio.

La differenza nella sopravvivenza libera da progressione di 4.6 mesi ha comportato una riduzione del 17% nel tempo alla progressione, decisamente meno rispetto all'obiettivo di una riduzione del 31%.

L'aggiunta di Bevacizumab alla terapia endocrina non ha migliorato la sopravvivenza generale mediana, che è stata di 41 mesi per le 191 donne che avevano ricevuto la terapia di combinazione, e 42 mesi per le 189 donne che avevano ricevuto la monoterapia ( p=0.469 ).

Tuttavia, l'aggiunta di Bevacizumab alla terapia endocrina è risultata associata a una maggiore incidenza di eventi avversi ematologici e non-ematologici.

Lo studio era stato disegnato per verificare l'ipotesi che il trattamento anti-VEGF potesse ritardare la resistenza alla terapia endocrina nei pazienti con carcinoma mammario avanzato HR-positivo.
Dati clinici retrospettivi avevano mostrato che alti livelli di VEGF nel tessuto tumorale del cancro al seno erano associati a una ridotta risposta alla terapia endocrina.
Inoltre, i primi dati clinici avevano indicato che la down-regolazione di VEGF era in grado di superare la resistenza alla terapia ormonale, migliorandone l'efficacia.

Le donne che hanno partecipato allo studio LEA erano in post-menopausa e presentavano carcinoma della mammella localmente avanzato o metastatico, non-operabile.
I tumori erano positivi per gli estrogeni e/o il progesterone, ed erano anche HER2-negativi.

Circa la metà delle pazienti di entrambi i gruppi aveva ricevuto in precedenza terapia endocrina adiuvante, e circa la metà era stata sottoposta a chemioterapia.
Una piccola minoranza di donne presentava malattia localmente avanzata ( circa il 3% ), la maggior parte aveva malattia metastatica ( circa l’80% ), e nel 15% lo stadio era avanzato ma non ben definito.
Due terzi circa delle donne aveva più siti metastatici.

Il 90% delle donne è stata trattata con Letrozolo 2.5 mg/die, e circa il 10% ha ricevuto per via intramuscolare Fulvestrant 250 mg ogni 28 giorni. La dose di Bevacizumab era di 15 mg/kg ogni 3 settimane.

Riguardo alla tossicità ematologica, è stata riscontrata più neutropenia ( 11.2% vs 5.7%, p=0.061 ) nel gruppo di combinazione rispetto al gruppo monoterapia, più leucopenia ( 24.6% vs 11.4%, p=0.001), e più trombocitopenia ( 19.3% vs 9.1%, p=0.006 ).

In termini di tossicità non-ematologica, è stata riscontrata nel gruppo di combinazione, rispetto al gruppo in monoterapia, una maggiore incidenza di fatigue ( 50.5% vs 29%, p inferiore a 0.001 ), più alti valori pressori ( 59% vs 15.9%, p inferiore a 0.001 ), più eventi emorragici ( 18.6% vs 1.7%, p inferiore a 0.001 ), più elevati livelli di enzimi epatici ( 46.5% vs 28%, p inferiore a 0.001 ), e più proteinuria ( 30.3% vs 2.8%, p inferiore a 0.001 ). ( Xagena2012 )

Fonte: 35th Annual San Antonio Breast Cancer Symposium ( SABCS ), 2012


Gyne2012 Onco2012 Farma2012


Indietro