Tumore Mammella
Xagena Mappa
Tumore Ovaie
OncoGinecologia

Tassi di recidiva e mortalità specifica per malattia in seguito a procedure per la conservazione della fertilità al momento della diagnosi di cancro al seno


Il tumore al seno ( BC ) è l'indicazione più comune per la preservazione della fertilità ( FP ) nelle donne in età riproduttiva.
Le procedure per la preservazione della fertilità spesso includono la stimolazione ormonale, ma i dati attuali sono scarsi riguardo al fatto che l'uso della stimolazione ormonale per la preservazione della fertilità sia associato a un deterioramento della prognosi di tumore mammario.

È stato esaminato il rischio di mortalità specifica per malattia e recidiva nelle donne sottoposte a preservazione della fertilità con o senza stimolazione ormonale rispetto alle donne che non sono state sottoposte a preservazione della fertilità al momento della diagnosi di cancro al seno.

È stato condotto uno studio prospettico di coorte nazionale svedese per valutare la sicurezza delle procedure ormonali e non-ormonali di preservazione della fertilità indicate per il tumore mammario in Svezia dal 1994 al 2017.

Le donne sono state identificate da uno qualsiasi dei programmi di preservazione della fertilità regionali situati negli ospedali universitari svedesi.
È stato riscontrato che in totale 425 donne sono state sottoposte a preservazione della fertilità e 850 comparatrici di popolazione che non erano state sottoposte a preservazione della fertilità sono state campionate dai registri regionali per il tumore alla mammella e sono state abbinate per età, periodo della diagnosi e regione.

La sopravvivenza libera da recidiva è stata valutata in una sottocoorte di 241 donne sottoposte a preservazione della fertilità e 482 donne che non erano state sottoposte a preservazione della fertilità, con dati completi.
I registri demografici e sanitari a livello nazionale hanno fornito dati sugli esiti, sulle variabili correlate alla malattia e al trattamento e sulle caratteristiche socioeconomiche.

Gli esiti principali erano recidiva e mortalità specifica per malattia dopo una diagnosi di tumore alla mammella.

La popolazione finale dello studio comprendeva 1.275 donne ( età media, 32.9 anni ) al momento della diagnosi di tumore mammario.
Dopo la stratificazione in base alle variabili corrispondenti età, periodo e regione e l’aggiustamento per Paese di nascita, istruzione, parità alla diagnosi, dimensioni del tumore, numero di metastasi linfonodali e stato del recettore degli estrogeni, la mortalità specifica per malattia è stata simile nelle donne sottoposte a preservazione della fertilità ormonale ( hazard ratio aggiustato, aHR, 0.59 ), donne sottoposte a preservazione della fertilità non-ormonale ( aHR, 0.51 ) e donne che non sono state esposte a preservazione della fertilità ( riferimento ).

In una sottocoorte con dati dettagliati sulla recidiva, anche il tasso aggiustato di mortalità e recidiva malattia-specifica è stato simile tra il gruppo sottoposto a preservazione della fertilità ormonale ( aHR, 0.81 ), sottoposto a preservazione della fertilità non-ormonale ( aHR, 0.75 ), e non-sottoposto a preservazione della fertilità ( riferimento ).

In questo studio di coorte, la preservazione della fertilità con o senza stimolazione ormonale non è stata associata ad alcun aumento del rischio di recidiva o mortalità specifica per malattia nelle donne con cancro al seno.

I risultati di questo studio hanno fornito prove aggiuntive necessarie sulla sicurezza delle procedure di preservazione della fertilità nelle donne con carcinoma mammario, e possono influenzare l'attuale pratica sanitaria a beneficio delle giovani donne con cancro al seno che desiderano preservare la propria fertilità. ( Xagena2022 )

Marklund A et al, JAMA Oncol 2022; 8: 1438-1446

Gyne2022 Onco2022 Med2022



Indietro