Vulvodinia Survey
Tumore Ovaie
Xagena Mappa
Tumore Mammella

Tasso di tromboembolia venosa in un programma di recupero potenziato dopo intervento chirurgico ginecologico


Il tromboembolismo venoso è una complicanza potenzialmente letale dell’intervento chirurgico.
Un programma di recupero avanzato dopo l’intervento chirurgico è un percorso di cura multimodale che facilita un recupero più rapido dall’intervento chirurgico. Il tasso di tromboembolia venosa dopo un intervento chirurgico ginecologico in un programma di recupero avanzato dopo l’intervento chirurgico non è noto.

È stato valutato il tasso di tromboembolia venosa entro 30 giorni dall'intervento ginecologico in un percorso di recupero avanzato dopo l'intervento chirurgico eseguito presso un Centro oncologico.

I dati sono stati raccolti in modo prospettico sul percorso Enhanced Recovery After Surgery di pazienti ginecologiche sottoposte a chirurgia a cielo aperto ( dal 2014 al 2021 ) e chirurgia mini-invasiva ( dal 2017 al 2021 ).

L'assistenza è stata fornita presso un Centro oncologico terziario situato in una vasta area urbana.
Sono state escluse le pazienti sottoposte a intervento chirurgico d'urgenza o ad interventi multispecialistici.

Le pazienti sottoposte a chirurgia a cielo aperto dovevano ricevere la profilassi con Eparina prima dell'intervento, dispositivi di compressione sequenziale durante l'intervento chirurgico e il ricovero e profilassi con Eparina a basso peso molecolare durante il ricovero.

Se veniva diagnosticata una neoplasia, le pazienti dovevano ricevere una profilassi estesa di tromboembolismo venoso per 28 giorni dopo l'intervento chirurgico.
Per la chirurgia mini-invasiva, le pazienti hanno ricevuto solo dispositivi di compressione sequenziale durante l'intervento e nessuna profilassi con eparina prima o dopo l'intervento.

Gli eventi di tromboembolia venosa sono stati inclusi se rilevati nell'imaging ottenuto per sintomi o altre indicazioni. Sono state eseguite statistiche descrittive e analisi statistiche bivariate.

Su 3.329 pazienti, 1.519 ( 45.6% ) sono state sottoposte a laparotomia, 1.452 ( 43.6% ) sono state sottoposte a laparoscopia e 358 ( 10.8% ) sono state sottoposte a chirurgia robotizzata.

I tassi di incidenza del tromboembolismo venoso sono stati complessivamente dello 0.6% ( n=21 ), 1.1% ( n=16 ) nell'approccio aperto, e 0.3% ( n=5 ) nell'approccio mini-invasivo ( P=0.02 ).

I tassi di incidenza del tromboembolismo venoso tra le 1.999 pazienti affette da tumore maligno sono stati dello 0.9% ( n=18 ) in generale, 1.4% ( n=15 ) nell'approccio aperto e 0.3% ( n=3 ) nell'approccio mini-invasivo.

I tassi di incidenza del tromboembolismo venoso tra le 1.165 pazienti con malattia benigna sono stati complessivamente dello 0.3% ( n=3 ), 0.3% ( n=1 ) nell'approccio aperto e 0.2% ( n=2 ) nell'approccio mini-invasivo.

Il tasso di tromboembolia venosa tra le pazienti sottoposte a laparotomia e chirurgia mini-invasiva in un percorso di recupero avanzato dopo l’intervento chirurgico è risultato inferiore o uguale all’1%.

Questo studio ha stabilito un punto di riferimento per il tasso di tromboembolia venosa dopo un intervento chirurgico ginecologico su un percorso di recupero avanzato dopo l'intervento chirurgico eseguito presso un Centro oncologico. ( Xagena2023 )

Taylor JS et al, Am J Obstet Gynecol 2023; 229: 140.e1-140.e7

Gyne2023 Chiru2023 Emo2023



Indietro