Tumore Mammella
XagenaNewsletter
Tumore Ovaie
OncoGinecologia

Tumore al seno: l’uso di terapie alternative e complementari può ritardare l’inizio della chemioterapia


Le pazienti con cancro mammario che fanno impiego della medicina complementare e alternativa hanno una minore probabilità di iniziare il trattamento chemioterapico.

Le terapie alternative e complementari comprendono gli integratori alimentari ( vitamine, minerali, fitoterapici ), altri prodotti naturali, e la terapia mente-corpo.

Tra le donne per le quali era indicata la chemioterapia, l'uso corrente di integratori alimentari ( odds ratio, OR=0.16 ) è risultato associato a una ridotta probabilità di iniziare la chemioterapia.
L'utilizzo di pratiche mente-corpo, tuttavia, non è risultato associato a una diminuzione dell’inizio della chemioterapia.

Delle 685 partecipanti allo studio, 598 ( 87% ) pazienti hanno riportato di aver fatto uso, al basale, di terapie alternative e complementari, e nella maggioranza dei casi di aver assunto integratori alimentari e di aver praticato la terapia mente-corpo.

Il numero mediano di terapie alternative e complementari utilizzato è stato pari a 2, ma 261 donne ( 38% ) ha riferito di aver fatto uso di almeno 3 tipi di terapia.

La chemioterapia era indicata per 306 donne, secondo le linee guida del National Comprehensive Cancer Network, e 272 di queste ( 89% ) ha iniziato il trattamento.
La chemioterapia era discrezionale per 379 donne, e solo 135 ( 36% ) di queste donne ha iniziato il trattamento.

Non è chiaro se l'associazione tra l'uso di terapie alternative e complementari e il non-inizio della chemioterapia rifletta modelli decisionali di lunga data tra le partecipanti allo studio.

Sebbene la maggior parte delle donne con indicazione per la chemioterapia abbia iniziato il trattamento, 34 su 306 ( 11% ) non l’ha fatto.

Secondo gli Autori l'uso di terapie alternative e complementari potrebbe rappresentare un potenziale marcatore delle pazienti a rischio di non iniziare la chemioterapia clinicamente indicata.

Nello studio sono state prese in esame le partecipanti di BQUAL ( Breast Cancer Quality of Care Study ), uno studio prospettico di coorte che sta esaminando i predittori demografici, comportamentali, biomedici e psicosociali dell'inizio del trattamento e l'aderenza alla terapia adiuvante nelle donne con primo tumore alla mammella.

Le donne sono state trattate presso il Columbia University Medical Center, il Kaiser Permanente Northern California, e l’Henry Ford Health System nel periodo 2006-2010.

Tutte le donne erano di età inferiore ai 70 anni ( età media, 59 anni ), presentavano carcinoma mammario invasivo non-metastatico.
Sono state seguite per un massimo di 12 mesi, e sono state sottoposte a un colloquio per valutare l'uso di terapie alternative e complementari.

I ricercatori hanno cercato di determinare se l'uso di terapie alternative e complementari fosse associato a una riduzione dell'inizio della chemioterapia per il cancro al seno.

Le donne che non hanno iniziato la chemioterapia presentavano una maggiore propensione a utilizzare gli integratori alimentari rispetto a quelle che hanno iniziato la chemioterapia ( 88% versus 62%; p = 0.002 ).

Le donne che non hanno iniziato la chemioterapia avevano una maggiore probabilità di far uso di vitamine e/o minerali ( 71% vs 28%; p inferiore a 0.001 ).

E le donne che hanno utilizzato più terapie alternative e complementari, come indicato da un più alto punteggio dell'indice CAM ( Complementary and Alternative Medicine ), avevano una minore probabilità di non-iniziare la chemioterapia ( P = 0.001 ).

Quando la chemioterapia era discrezionale, non è stata riscontrata alcuna associazione tra uso di terapie alternative e complementari e l'inizio della chemioterapia. ( Xagena2016 )

Fonte: JAMA Oncology, 2016

Onco2016 Gyne2016 Farma2016


Indietro