OncoGinecologia
Tumore Mammella
Xagena Mappa
Tumore Ovaie

Tumore dell’ovaio più aggressivo con l'avanzare dell’età


Le donne anziane che sviluppano carcinoma ovarico hanno una probabilità significativamente maggiore di una malattia a rapida progressione a esito fatale, come è emerso dai dati di due ampi studi di coorte.

Il rischio per il cancro ovarico mortale è risultato aumentato del 5% per ogni anno di aumento dell'età alla diagnosi.
Lo stato di postmenopausa ha aumentato il rischio del 31% rispetto alle donne che erano in premenopausa alla diagnosi in una coorte femminile del Massachusetts e del New Hampshire.

I dati raccolti da una popolazione più grande, geograficamente diversificata, hanno mostrato un analogo effetto dell'età sull'aggressività del carcinoma ovarico; l'età avanzata era associata ad un rischio di malattia rapidamente fatale maggiore del 6% rispetto ai tumori meno aggressivi.

Entrambi gli studi hanno mostrato un effetto protettivo dei contraccettivi orali sul rischio di tumore dell’ovaio aggressivo e uno dei due ha suggerito che la terapia ormonale sostitutiva combinata fosse più strettamente associata ad una malattia meno aggressiva.

Gli studi hanno mostrato che i fattori riproduttivi e ormonali contribuiscono al rischio di cancro ovarico nella donna.
Non è stato ancora chiarito se tali fattori possano influenzare anche la mortalità per il tumore ovarico.

L’analisi ha riguardato partecipanti agli studi NECC ( New England-Based Case-Control Studies ), e ha incluso 1642 donne che avevano una storia di carcinoma ovarico e un gruppo di controllo di 2100 donne senza storia di cancro alle ovaie, inserite nella popolazione NECC dal 1992 al 2008.

Al momento dell'arruolamento, ogni partecipante è stata intervistata in dettaglio sui fattori di rischio noti e sospetti per il cancro ovarico, comprendendo uso di ormoni, gravidanze, abitudini di vita e caratteristiche antropomorfe.

L'obiettivo primario era quello di determinare se un fattore di rischio avesse un’associazione diversa tra cancro ovarico fatale ( morte entro 3 anni dalla diagnosi ) e tumore non-fatale.

In tutto, 360 donne con tumore ovarico ( 22% ) sono morte entro 3 anni.
L'analisi multivariata ha mostrato che l'aumento dell'età era associato ad un odds ratio ( OR ) di 1.05 per il tumore dell’ovaio ad esito mortale contro il non-mortale ( P inferiore a 0.0001, per ogni anno di età ).
Lo stato di post-menopausa alla diagnosi era associato ad un odds ratio di 1.31 per il tumore ovarico mortale, rispetto allo stato di pre-menopausa o a uno stato dubbio ( P inferiore a 0.0001 ).

L'uso dei contraccettivi orali è stato costantemente associato ad un minor rischio di carcinoma ovarico mortale per qualsiasi durata d’uso ( P=0.01 ).

I fattori che non hanno mostrato differenze rispetto alla loro influenza sul tumore ovarico mortale rispetto a quello non-mortale hanno incluso legatura delle tube, durata del periodo ovulatorio, indice di massa corporea e storia familiare di tumore al seno o alle ovaie.

Una seconda analisi ha preso in esame 30 anni di follow-up nello studio Nurses 'Health.
L'obiettivo primario era quello di verificare le associazioni tra fattori di rischio e carcinoma ovarico rapidamente fatale rispetto al tumore meno aggressivo.
Il decesso entro 3 anni dalla diagnosi è stato il parametro utilizzato per definire il cancro ovarico aggressivo, rapidamente fatale.

Sono state identificate 349 donne con tumore ovarico rapidamente fatale e 404 con la forma meno aggressiva.

L'età avanzata ha evidenziato una più forte associazione con il cancro ovarico rapidamente fatale: HR 1.08 rispetto a HR 1.02 per la malattia meno aggressiva ( P inferiore a 0.001 per eterogeneità ).

La terapia ormonale combinata estrogeni-progestinici era associata a un rischio aumentato di malattia meno aggressiva ( hazard ratio, HR=1.52 ) ma non al tumore ovarico rapidamente fatale ( HR=0.91, P per eterogeneità=0.02 ).

L'uso di contraccettivi orali ha ridotto il rischio di cancro ovarico rapidamente fatale ( HR=0.92 per ogni anno di utilizzo ), ma non di tumore meno aggressivo ( HR=1.00, p=0.003 per eterogeneità ).

La gravidanza ( per qualunque figlio ) ha ridotto il rischio di cancro aggressivo ( HR=0.58 ) ma non il numero di bambini avuti. Per contro, qualunque gravidanza non ha ridotto il rischio di malattia meno aggressiva, ma un numero crescente di bambini ha ridotto il rischio ( HR=0.90, P=0.02 per eterogeneità ).

La durata dell'allattamento al seno è stata associata a un ridotto rischio di cancro ovarico rapidamente fatale ( P=0.03 ), mentre altezza, indice di massa corporea, età al menarca, età alla menopausa e legatura delle tube non differivano nell'impatto sul tumore aggressivo rispetto a quello meno aggressivo.

È opportuno continuare la ricerca dei metodi per ridurre il rischio di tumore ovarico rapidamente fatale nelle donne più anziane; le donne anziane interrompono l'uso dei contraccettivi orali e l'effetto protettivo si esaurisce nel tempo.

La terapia ormonale non ha influenzato il rischio di malattia aggressiva, rapidamente fatale. (  Xagena2011 )

Fonte: American Association for Cancer Research Frontiers in Cancer Prevention Research ( AACR-FCPR ) Conference, 2011


Onco2011 Gyne2011



Indietro