XagenaNewsletter
Tumore Ovaie
OncoGinecologia
Tumore Mammella

Una revisione sistematica del Testosterone intravaginale per il trattamento dell'atrofia vulvovaginale


Il Testosterone intravaginale è emerso come potenziale trattamento per l'atrofia vulvo-vaginale nelle donne, in generale, e nelle donne che assumono un inibitore dell'aromatasi.
È stata condotta una revisione sistematica della letteratura per determinare se i dati disponibili relativi agli studi clinici supportano l'efficacia e la sicurezza del testosterone intravaginale per il trattamento della VVA.

Sono stati identificati sei studi clinici distinti con da 10 a 80 partecipanti, con una dose singola o una durata compresa tra 4 e 12 settimane.
Solo uno studio ha incorporato un disegno in doppio cieco.
Tre studi erano di donne che assumevano un inibitore dell'aromatasi.

Presi insieme, gli studi hanno indicato che il Testosterone intravaginale può abbassare il pH vaginale, aumentare la proporzione di lattobacilli vaginali ed, eventualmente, migliorare l'indice di maturazione vaginale.

La mancanza di un trattamento con placebo in quattro studi e l'incapacità di adattarsi alle differenze di base hanno portato all'incertezza dell'effetto sulla funzione sessuale.

La sicurezza rimane incerta a causa del basso numero di donne esposte, dei brevi periodi di studio e di report sui risultati incoerenti e incompleti per i livelli di steroidi sessuali.

In conclusione, per stabilire sia l'efficacia che la sicurezza della terapia con Testosterone intravaginale sono necessari studi clinici adeguatamente potenziati, in doppio cieco e controllati con placebo. ( Xagena2017 )

Bell RJ et al, Menopause 2017; Epub ahead of print

Gyne2017 Farma2017


Indietro