Tumore Mammella
Tumore Ovaie
Xagena Mappa
OncoGinecologia

Uso di antidepressivi in vicinanza del parto e rischio di emorragia post-partum


Uno studio di coorte ha valutato se l'uso di inibitori della ricaptazione della serotonina o non-inibitori della ricaptazione della serotonina in vicinanza del parto fosse associato a emorragia post-partum.

Utilizzando i dati Medicaid dal 2000 al 2007, è stata esaminata una popolazione di 106.000 donne in gravidanza di età compresa tra 12 e 55 anni, con una diagnosi di disturbo d'ansia o dell'umore.
Le donne sono state suddivise in 4 gruppi di esposizione in base ai dati di somministrazione dei farmaci: attuale ( data del parto ), recente ( 1-30 giorni prima della data del parto ), passata ( 1-5 mesi prima della data del parto ) e nessuna esposizione ( gruppo di riferimento ).

Le principali misure di esito sono state il rischio di emorragia post-partum in base al tempo di esposizione e in base agli inibitori della ricaptazione della serotonina o non-inibitori della ricaptazione della serotonina, alle classi di antidepressivi e ai tipi di antidepressivi.

Un totale di 12.710 ( 12% ) donne aveva assunto gli inibitori della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) in monoterapia, mentre 1.495 ( 1.4% ) donne avevano ricevuto non-inibitori della ricaptazione della serotonina ( non-SSRI ) in monoterapia.

Il rischio di emorragia post-partum è stato pari al 2.8% tra le donne con disturbi dell'umore / ansia ma con nessuna esposizione ai farmaci antidepressivi, il rischio è stato del 4.0% nelle utilizzatrici correnti di farmaci SSRI, del 3.8% nelle utilizzatrici correnti di farmaci di non-SSRI, 3.2% nelle utilizzatrici recenti di SSRI, 3.1% nelle utilizzatrici recenti di non-SSRI, 2.5% nelle utilizzatrici passate di inibitori della ricaptazione della serotonina e 3.4% nelle utilizzatrici passate di non-inibitori della ricaptazione della serotonina.

Rispetto a nessuna esposizione, le donne con esposizione corrente agli inibitori della ricaptazione della serotonina hanno presentato un aumento del rischio di emorragia post-partum 1.47 volte maggiore, mentre le donne con esposizione corrente a non-inibitori della ricaptazione della serotonina hanno avuto un aumento del rischio di 1.39 volte.

Le donne con esposizione attuale a inibitori della ricaptazione della serotonina hanno avuto un eccesso di rischio aggiustato di 1.26%, con un numero necessario per nuocere ( NNH ) di 80, e per le donne con esposizione corrente a non-inibitori della ricaptazione della serotonina l'eccesso di rischio è stato pari all’1.03%, con un NNH di 97.

Per l'esposizione a inibitori della ricaptazione della serotonina il rischio relativo è stato pari a 1.19 per esposizione recente e 0.93 per esposizione passata; per i non-inibitori della ricaptazione della serotonina i valori sono stati, rispettivamente, 1.17 e 1.26.

Anche l’esposizione corrente agli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina in monoterapia è stata associato a emorragia post-partum ( 1.42 ), così come l’esposizione corrente a inibitori della ricaptazione della serotonina-noradrenalina ( SNRI ) ( 1.90 ) e antidepressivi triciclici in monoterapia ( 1.77 ).

Tutti i tipi di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina disponibili per l'analisi e la Venlafaxina ( Efexor ), un inibitore della ricaptazione della serotonina-noradrenalina, sono stati associati significativamente alla emorragia post-partum.

In conclusione, l'esposizione a farmaci SSRI e a farmaci non-SSRI, compresi gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, gli inibitori della ricaptazione della serotonina-noadrenalina e gli antidepressivi triciclici, in vicinanza del momento del parto, è risultata associata a un rischio aumentato da 1.4 a 1.9 volte di emorragia post-partum.
Dato che il potenziale confondimento da fattori non-misurati non si può escludere, questi risultati indicano che le pazienti trattate con antidepressivi durante la gravidanza hanno più probabilità di andare incontro a una emorragia post-partum. ( Xagena2013 )

Palmsten K et al, BMJ 2013; 347: f4877

Gyne2013 Psyche2013 Farma2013


Indietro